Roma, De Rossi Punito per l’Espulsione. Tifosi Delusi

Daniele De Rossi giocatore roma

Le cattive notizie non vengono mai da sole. E quando sei tu a contribuire all’invito fa ancora più male. Non è un gran momento per Daniele De Rossi. Il derby con la Lazio era l’occasione del riscatto, la chance per dire “grazie” al pubblico che lo ha difeso e dimostrare a Zeman che si sbagliava di grosso. Poteva essere la “pace”, la rivincita nell’arena, e invece rischia di diventare il definitivo “addio” perché le chances sopra elencate sono finite al tappeto. Come Mauri che al minuto 47 del primo tempo è stramazzato al suolo causa pugno in faccia di Capitan Futuro.

Zdenek Zeman allenatore romaRABBIA ROMA
Gesto incomprensibile, quello del Daniele nazionale, e che ora gli costerà caro. Intanto, però, il dazio, salatissimo, lo ha pagato per prima la Roma, costretta a giocare 45 minuti in inferiorità numerica una delle due partite più “in” dell’anno. E nell’Urbe ci tengono parecchio, per storia e sfottò prima che per esigenze di classifica. La mano stretta nel pugno, presto, potrebbe allora servire a salutare tutti.

TIFOSI CAMBIANO IDEA?
La schiera di tifosi pro-calciatore ( che la scorsa settimana ha anche “avvisato” società e Zeman con un invito, tramite striscione, a “non toccare” il barbuto centrocampista) si sta assottigliando. Perde pedoni per strada. Quel pugno ha messo ko anche il castello difensivo dei fan più accesi. Da facebook a twitter, passando per i forum. Lo “scatto”, da molti, è stato interpretato come un gesto di nervosismo dettato dalla voglia di strafare, d’accordo, ma anche come il passo di addio. Un ciclo finito. Sarà così? Vedremo.

I RIMPROVERI DI ZEMAN E BALDINI
Attesa e puntuale, intanto, è arrivata la ramanzina di Zeman. Poche parole, come al solito, ma molto efficaci. “ Abbiamo parlato per due giorni dicendo che non si doveva reagire a provocazioni”. La bordata è servita. De Rossi raccoglie anche le “legnate” del dg Baldini che lo assolve “… ma è un gesto grave che ha messo la Roma in difficoltà. Per comportamenti del genere, e noi non facciamo differenze, è prevista un’ammenda. C’è un codice etico”.

SALTA PURE LA NAZIONALE, E’ RECIDIVO
Lo stesso che Cesare Prandelli ha imposto e nuovamente consultato. Ecco l’altra “punizione”. Il vice-capitano della Roma, al quale saranno probabilmente comminate tre giornate di squalifica in campionato, non figura tra i convocati per la gara di mercoledì contro la Francia. Puniti il gesto ma anche la recidività del calciatore, già incappato un anno fa, e per due volte, nello stesso provvedimento del commissario tecnico per altrettante gomitate a Srna ( Shakhtar-Roma) e Bentivoglio ( Bari-Roma). Ancora prima, ai Mondiali 2006, fu lo statunitense McBride a sperimentare il nervosismo del forte centrocampista giallorosso. Che, all’epoca, rimediò 4 turni di squalifica (tornò nella finalissima di Berlino) e 10 mila franchi di ammenda. Ne è passata di acqua sotto i ponti. Ma il vizio resta. E sorprende, conoscendo l’animo buono di Capitan Futuro che, già a fine primo tempo, ha chiesto ieri scusa al collega Mauri. Scuse accettate. Per il “perdono” del pubblico romanista bisognerà aspettare. E non è certo che arrivi.

Leggi Anche -> Lazio-Roma: Follia De Rossi, Pugno a Mauri di Gianluca Capiraso; Roma, De Rossi: con Lazio Ultimo Derby? di Daniele Miceli