Rinnovo contratto Sarri, De Laurentiis: “Il tempo è scaduto”

De Laurentiis conto i cori

Aurelio De Laurentiis presidente del Napoli ha rilasciato alcune dichiarazioni importanti ai microfoni di Radio Kiss Kiss Italia sul rinnovo di contratto di Maurizio Sarri. E’ sembrato spazientito il patron azzurro e le parole pronunciate non fanno presagire nulla di buono: “Il tempo è scaduto per me la data non c’è più. Dovete chiederlo a lui, a me non ha mai voluto rispondere, ha sempre demandato a Pellegrini, l’ho chiesto a Pellegrini e lui mi ha risposto boh? Noi il problema l’abbiamo affrontato in tutti i modi ad un certo punto mi devo prendere delle responsabilità, dobbiamo andare avanti. Non è detto che vada via, ha una clausola vedremo cosa accadrà”.

Sul campionato appena finito e sullo scudetto perso nelle ultime giornate ecco come la pensa il presidente partenopeo: “Abbiamo fatto 91 punti contro 90 (si riferisce alla juve) ma forse anche di meno. Credo si possa dire che lo scudetto quello vero lo abbiamo vinto noi, quello finto ce lo daranno l’anno prossimo magari. La gente crede sia finito un ciclo perchè un triennio è lungo, perchè cambiando un  calciatore o un modulo qualcosa possa cambiare. Non è detto vedremo”.

Sullo stadio San Paolo: “In estate non andrò in California starò qui per vigilare che il San Paolo non abbia i settori bloccati. Siamo riusciti a convincere De Luca mettere altri 20 milioni, ora ci sarà un comitato di cui farò parte per far fruttare questi soldi in tempi brevissimi, lavoreremo di giorno e di notte, se entro il 15 luglio non sarà operativo allora vuol dire che non bastano i 5 stelle e i leghisti, l’Italia è proprio fottuta! Se ci dice male speriamo almeno di averlo per la prima di Champions, il 15 settembre”. 

 

Napoli-Crotone 2-1, Insigne: “Godiamoci i 91 punti”

Rinnovo Sarri: novità.

Rinnovo Sarri – De Laurentiis: “il tempo è scaduto”. Tifosi in attesa di risposte: niente telenovele come con Higuain