Ricorso Cuadrado Respinto: niente prova tv per il colombiano

Cattive notizie in casa Fiorentina. E’ stato difatti respinto il ricorso in merito ai fatti accaduti contro il Napoli, riguardanti l’espulsione a Cuadrado, accusato di una simulazione che poi la moviola ha in seguito smentito. La dirigenza viola, subito dopo il fischio finale, si era fatta sentire minacciando di voler fare ricorso appellandosi ad un precedente favorevole che riguardava la stessa società toscana. Difatti, nel 2006, Luca Toni venne scagionato da una pesante squalifica in un Fiorentina-Parma, nella quale venne punito dall’arbitro con il rosso diretto per una presunta gomitata volontaria e poi successivamente smentita.

E’ quindi arrivato il tanto atteso responso del giudice sportivo Tosel che ha negato però ai viola l’utilizzo della prova televisiva. La motivazione sta nel fatto che, per applicare la suddetta e quindi ricorrere al precedente, il “reato” doveva avere “per oggetto una segnalata simulazione da cui era conseguita un’espulsione diretta per condotta violenta, affermando che il metro di giudizio è stato preso con un altro caso analogo del 2006 che riguardava, però, il calciatore Franco Brienza.

Giudice Sportivo Gianpaolo Tosel

Continuando poi dal comunicato, si evince che l’eventuale consenso della prova tv  “non solo si sostituirebbe al legislatore, ma travalicherebbe anche i limiti della fondamentale insindacabilità dei provvedimenti tecnici adottati dall’arbitro sul terreno di gioco, dando per scontata, nell’ipotesi in esame, l’assegnazione di un calcio di rigore con una valutazione di competenza esclusiva del direttore di gara“.

All’attaccante della Fiorentina quindi, come da regolamento, è stata inflitta un’ammenda di duemila euro, per la relativa simulazione. A nulla è valso poi un ulteriore ricorso alla Giustizia Federale da parte della società viola. Anche in questo caso, il tentativo è stato respinto.

Leggi anche –> Fiorentina-Napoli: la sintesi targata Auriemma