Real Madrid-Napoli, Morata: “Gli azzurri fanno paura”

Alvaro Morata sfida il Napoli: "Gli azzurri possono batterci, ma voglio vincere per il mio passato alla Juve"

Real Madrid-Napoli è dietro l’angolo, l’attesa sta per concludersi e l’ansia inizia a farsi sentire con insistenza. Una sfida particolarmente sentita dai partenopei, ma che non lascia indifferenti neppure i madrileni e tra questi figura Alvaro Morata. In una intervista rilasciata ai microfoni de Il Corriere dello Sport, l’attaccante ex Juventus ha esaminato l’ultimo periodo attraversato dal Real Madrid e si è concentrato in particolar modo sulla partita di Champions League contro il Napoli: “A gennaio abbiamo perso due partite, ma meglio essere eliminati in Coppa del Re che in Champions. La Champions è sempre la Champions e non vediamo l’ora di giocare contro il Napoli”.

Sulla carta ad essere favorita è il Real Madrid, ma il Napoli possiede dei punti di forza che potrebbero rivelarsi fatali per gli spagnoli: “Giocano molto bene palla al piede e i loro capovolgimenti di fronte con Hamsik, Callejon e Insigne – ammette Morata sono molto pericolosi. Ci sono poi anche Pavoletti e Milik, che credo proverà ad esserci…” Il finale potrebbe quindi non essere così scontato: “Il Napoli è una grande squadra e il fatto di non competere per la vittoria del campionato potrebbe dar loro una maggiore forza in Europa. Potrebbero eliminarci, ma anche noi possiamo batterli”.

Real Madrid-Napoli sarà una sfida particolare per Alvaro Morata. Lo spagnolo, dal passato juventino, ha incontrato i partenopei in cinque occasioni e, sebbene conti una sola sconfitta, non è mai riuscito a scalfire la porta azzurra con i suoi gol: “Le vittorie sono state sempre molto sofferte e credo che agli ottavi il Napoli lotterà fino all’ultimo per vincere. Ci terrei a sconfiggerli anche per il mio trascorso a Torino”.