Primavera, Avellino-Napoli 0-4: derby agli azzurri. Biancoverdi asfaltati

Mentre l’attenzione mediatica è tutta per la Finale di Coppa Italia e per il contorno che l’ha accompagnata, gli azzurrini della Primavera vanno a San Michele di Serino e, in una prestazione da incorniciare, chiudono in bellezza il campionato asfaltando i rivali nel derby contro l’Avellino.

Già dalle prime battute è evidente il predominio del Napoli. Trascorrono pochi minuti ed arriva, infatti, il gol del vantaggio. Sugli sviluppi di un calcio di punizione, cross di Gaetano dalla destra: Supino stacca e appoggia in rete il gol del momentaneo 0-1. Per il raddoppio passeranno ben 33 minuti; una mezz’ora in cui, però, l’Avellino riesce in poche occasioni ad affacciarsi nella trequarti degli ospiti. E’ il 43-esimo: sul cross Lasicki centra la traversa. Sulla respinta si avventa Prezioso che sigla il gol del raddoppio.

La seconda frazione di gioco inizia con l’Avellino protagonista. I biancoverdi riescono anche ad accorciare le distanze ma Rizzo è in fuorigioco. Dal 54-esimo, poi, gli azzurri restano in dieci per l’espulsione (doppia ammonizione) di Prezioso. Nonostante la superiorità numerica i biancoverdi non riescono a pungere, la gara si addormenta, almeno fino all’81-esimo. Luperto parte dalla sinistra e conclude a rete. Diouf respinge ma Lombardi è in agguato e sigla la rete del 3-0. Soltanto un minuto dopo il gol capolavoro: Gaetano vede Diouf fuori dai pali, conclusione spettacolare e palla nel sette per il definitivo 4-0.

Scritto da Massimo Esposito

Napoletano di nascita e cilentano d'adozione, è appassionato di letteratura sportiva e del Calcio Napoli. Nasce economista per svista con la grande necessità di comunicare e di trasmettere. Di condividere e di parlarne. Il tempo libero (spesso troppo) è dedicato alle sue grandi passioni, tra cui i cani. Massimo Esposito su Twitter

Fiorentina-Napoli 1-3, Video Ampia Sintesi Finale Coppa Italia

Finale Coppa Italia, la verità del Questore e del Capo della Digos