Palermo-Napoli, Grassi: “Sono pronto”

In vista di Palermo-Napoli Grassi, neo acquisto di gennaio infortunatosi al primo allenamento, si è dichiarato pronto per scendere in campo.

A circa due mesi dal suo approdo in azzurro Grassi non ha ancora fatto il suo debutto con la maglia azzurra, complice lo sfortunatissimo infortunio che lo ha messo k.o al primo allenamento a Castelvolturno. Il recupero del centrocampista sembra però ormai vicino alla conclusione ed il giovane ex Atalanta si è detto pronto per disputare qualche minuto in Palermo-Napoli. I suoi ex compagni gli sono stati d’aiuto per ambientarsi a Napoli e capire la nuova realtà in cuisi è trasferito: “Gli ex azzurri sono stati tutti carini. Denis mi ha suggerito di prendere casa a Posillipo mentre Cigarini mi ha spiegato come fronteggiare quest’esame. Reja mi ha detto tutto su Napoli. Ho un legame fortissimo con il mister. Ha avuto coraggio a lanciarmi, suggerendomi poi le cose giuste da fare”. Grassi ha già instaurato un legame speciale con Hamsik: “Ero allo stadio quando Hamsik ha segnato il suo primo gol in Italia. Era al Milan, con la maglia del Brescia. Mi sono preso qualche giorno per entrare in confidenza con lui e poi gliel’ho detto, ricostruendo l’azione. Lui ha sorriso, stupito. E’ una gran persona prima d’essere un gran giocatore. E’ sempre stato il mio giocatore preferito”. Il suo contributo sarà di fondamentale importanza in vista dell’ultima parte della stagione.

Leggi anche:

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Hamsik-Napoli, Gazzetta dello Sport: “La gente non lo infastidisce più”

Video | Napoli-Chievo 3-1, Lega Serie A: “Terzo gol capolavoro di tattica”