Notizie da Napoli: De Magistris Attacca De Laurentiis sul San Paolo

È una storia infinita quella che contrappone il sindaco de Magistris ed Aurelio De Laurentiis. Amici contro che, periodicamente, si trovano l’un contro l’altro armati per la questione stadio.

Presidente Napoli Aurelio De Laurentiis

Il Sindaco napoletano proprio non riesce a mandar giù l’idea che il patron azzurro voglia delocalizzare lo stadio del futuro.

E questa volta è proprio la location a suscitare le ire del primo cittadino. “Non tollererò che si giochi fuori Napoli o si pensi di costruire uno stadio in provincia di Caserta”. 

Questo il diktat. Eppure da queste stesse pagine, non molto tempo fa, ci eravamo già occupati della questione. Che oggi rimbalza dai microfoni di Rai Sport. Gli interventi sono urgenti. Lo sanno tutti. Ogni singolo tifoso sa che il Napoli e la città di Napoli meritano uno stadio degno della propria grandezza.

Ma in periodi di vacche magre pare proprio che nessuno voglia accollarsene l’onere. Nessuno sembra avere intenzione di passare “dalle parole ai fatti”, proprio come chiede a gran voce il Sindaco arancione. Certo è che perdere il San Paolo sarebbe un duro colpo per l’economia di Fuorigrotta e dell’intera città. E, anche se qualche tempo fa l’Assessore allo Sport sostenne che ci sono anche altre priorità, appare evidente che, in termini di popolarità, il Sindaco avrebbe molto da perdere.

Occorre un piano vero. Concreto. Un piano che realisticamente affronti il problema. Un piano chiaro che eviti di sovrastimare le necessità economiche e che metta in condizione tutte le parti in gioco ti trovare la giusta quadratura al cerchio. Occorrono investimenti chiari, o nella ristrutturazione o nell’edificazione di un nuovo impianto. Occorrono tempi certi. Servono fatti. Non parole. Ma serve che tutti (compreso il Sindaco) si impegnino costantemente nella risoluzione dell’annosa questione, magari anche evitando quei proclami che rischierebbero solo di esacerbare gli animi e di allontanare le parti dalla soluzione.

LEGGI ANCHE –> Il Contrattacco di De Magistris e quello Stadio da Rifare