Notizie Calcio Napoli: si Può Fare a Meno di Cavani?

Sabato sera, osservavamo gli eventi, davanti alla tv. Di cosa stiamo parlando? Dov’eravate signori? Naturalmente ci riferiamo a Torino- Napoli.

Edinson Cavani CalciomercatoUna gran bella partita, soprattutto per i neutrali, in quanto le loro coronarie non hanno rischiato l’esplosione.

Una partita bellissima dall’inizio alla fine, che ha visto davvero tanti motivi, infilati uno dietro l’altro: la tripletta di Blerim Dzemaili, che un goal da ex voleva anche farlo, ma tre siceramente neanche nel migliore dei sogni;

il primo goal dopo circa tre anni di Barreto che ritrova la gioia di poter esultare (gran bel giocatore il brasiliano); il goal di Jonathas, che sinceramente di esultanze finora ne ha fatte pochine; il goal di Meggiorini che in serie A sembra avere unconto aperto solo contro l’Inter (e adesso anche contro il Napoli).

Tutte cose strane, sono successe sabato sera, ma una cosa non ci ha lasciato sorpreso affatto: la doppietta salvifica del Matador; si perchè in campo ti puoi sbattere come fa Behrami, sacrificarti e correre alla Zuniga, sputare sangue alla Cannavaro, ma alla fine dei giochi, chi decide tutto è sempre lui, l’uruguaiano rampante che ormai non stupisce più.

Ha dato una bella risposta, Cavani,  a tutti quelli che nei giorni precedenti lo davano partente o che ne criticavano l’operato (ritardo in aereo),  mettendone addirittura in dubbio la professionalità.

Sabato sera però di una cosa ci siamo accorti tutti (se ancora ce ne fosse bisogno): a meno del Matador non si può fare. Sentenza inappuntabile per questo Napoli, che proprio da solo non ce la fa.

Le voci di un Cavani ceduto a Giugno per una barca di soldi sono sempre insistenti, ma siamo sicuri che sia la cosa migliore da fare? Sicuramente quei milioni sarebbere reinvestiti alla grande, ma uno come il Matador sinceramente facciamo fatica a trovarlo.

Certo, tutto dipende anche (e decisamente) dalla sua volontà: le sirene di squadroni come il Real, il Chelsea e via dicendo non possono non allettare un campione così.

Bisogna solo attendere quindi, pregando affinchè l’uruguaiano decida per il meglio; aspettando Giugno e sognando ancora un futuro costruito attorno al Matador.