Nizza-Napoli 3-2, l’Analisi della Partita: sconfitta immeritata

E’ un Napoli perdente ma promosso quello visto giocare allo stadio Allianz Riviera di Nizza. Nonostante la sconfitta per 3 a 2, gli azzurri non hanno demeritato affatto dimostrando soprattutto nel primo tempo trame interessanti ed una buona qualità di gioco. C’è ancora da lavorare per Maurizio Sarri, ma il tecnico azzurro ha certamente delle attenuanti non di poco conto per questa sua prima sconfitta stagionale in campo europeo. Innanzitutto dal punto di vista fisico, aspetto che ha poi fatto la differenza, i francesi più avanti nella preparazione sono apparsi nettamente più brillanti nella corsa e nelle giocate. In secondo luogo il Napoli è arrivato a Nizza orfano di pedine fondamentali per il gioco del tecnico ex Empoli, tra cui Albiol al centro della difesa, Hamsik a centrocampo ed Higuain in attacco.

La squadra è normale che sia ancora in rodaggio, dopo solo tre settimane di preparazione non si può pretendere che tutto fili alla perfezione. C’è bisogno di tempo per memorizzare i dettami tattici e la filosofia di gioco tanto cara al nuovo allenatore azzurro. Ma ci sono anche tanti aspetti confortanti in questa gara che fanno ben sperare per il futuro. Anche se a sprazzi infatti si è intravisto un gioco interessante che ha spesso messo in difficoltà l’avversario soprattutto nel primo tempo. La squadra ha giocato per lunghi tratti della gara in un fazzoletto di campo di 30 metri.

Difesa altissima, pressing asfissiante ed efficace degli attaccanti da cui è scaturito il primo gol del Napoli. Gli azzurri inoltre si sono mossi in maniera omogenea per lunghi tratti della gara proprio come vuole il tecnico Maurizio Sarri. Un altro aspetto importante è il carattere che ha messo in campo la squadra una volta andata in svantaggio sul 3 a 2, e successivamente in inferiorità numerica per l’espulsione di Callejon. Gli azzurri infatti non si sono disuniti, dimostrando grande compattezza e sfiorando addirittura la rete del pareggio che sarebbe stata del tutto meritata.

Leggi anche: 

 

 

Nizza-Napoli 3-2, Sarri: “Ho visto carattere e temperamento”

Higuain-Napoli, l’agente: “Non accetta il rinnovo”