Napoli-Verona, Benitez: “Il prossimo anno ci vorrà la giusta mentalità”

Vincere un titolo al primo anno è importante. Adesso guardiamo alla prossima stagione con la giusta mentalità”. In poche parole Rafael Benitez ha tracciato un bilancio della sua prima stagione al Napoli nella conferenza stampa che precede la gara conclusiva della stagione e che si giocherà oggi pomeriggio al San Paolo e vedrà di fronte Napoli-Verona. “Stiamo facendo il massimo con la Società per dare un futuro al Napoli. Vogliamo creare la sensazione reale che qui si possa vincere e fare cose importanti. La squadra quest’anno ha fatto bene”, aggiunge l’allenatore spagnolo.

Ma il primo anno non è stato tutto rose e fori perché Benitez sottolinea come qualche rimpianto è venuto fuori: “Qualche pareggio che poteva essere vittoria, soprattutto nei momenti in cui eravamo in condizione, e poi la partita all’Olimpico con la Roma. Credo che meritavamo di più, potevamo segnare su alcune occasioni da gol. Avremmo potuto trarre punti e maggiore fiducia da quella partita”. E chi è stato il giocatore rivelazione? E la risposta è come al solito spiazzante: “Di belle sorprese ce ne sono state un po’ in tutta la rosa ed io non dimentico il recupero eccellente che ha compiuto Mesto”.

Un pensiero però va pure alla sfida di questa sera contro il Verona, il Napoli vuole chiudere nel migliore dei modi l’anno: “Non ho ancora deciso chi far giocare, ho delle idee e vedremo. Di certo ci teniamo a chiudere bene la stagione. Vogliamo segnare il record di gol di stagionali e questo ci spingerà ad avere maggiore energia”, ha concluso Benitez.

Leggi anche — > Rinnovo Benitez, per il Corriere dello Sport domenica ci sarà la firma

Leggi anche — > Napoli-Verona, i convocati di Benitez per la partita

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Rassegna Stampa SSC Napoli 18 maggio 2014: le prime pagine dei quotidiani

Fatti di Roma, Fioretti: “Sono corso per difendere il bus, poi gli spari”