Napoli-Torino: l’analisi del match

Rafa Benitez è stato chiaro: “contro il Torino dovremo avere testa e cuore”. E’ con queste parole che il tecnico spagnolo nell’intervista pre partita ha provato a caricare la sfida di campionato al San Paolo contro i granata. Si perchè Benitez sa benissimo che il Napoli domani è atteso da un appuntamento chiave della stagione. Steccare un’altra partita in casa potrebbe essere fatale per il proseguo del campionato degli azzurri.

Il Napoli infatti conquistando i tre punti, potrebbe accorciare in classifica su Roma o Juventus attese dallo scontro diretto, e magari superare l‘Inter che se la vedrà sul difficile campo della Fiorentina. Il tecnico Ventura si presenterà al San Paolo con il classico 3-5-2, e saranno tre ex azzurri a guidare l’attacco granata: El Kaddouri, Quaglierella ed Amauri. Solito modulo 4-2-3-1 per Rafa Benitez. In difesa rispetto alla gara con lo Slovan rientrerà Albiol, mentre a centrocampo Gargano prenderà il posto di David Lopez. In attacco Callejon, Hamsik ed Higuian con Mertens leggermente favorito su Insigne per il posto da titolare.

La chiave del match sarà riuscire ad avere il possesso palla per imporre il proprio gioco. Il Torino infatti è dotato di calciatori di buona tecnica e fa del palleggio una delle sue armi migliori. Gli azzurri devono avere pazienza e capitalizzare al massimo le occasioni da rete sfruttando la superiorità numerica sulle fasce.

Leggi anche:

Nazionale, Conte non convoca nessun giocatore del Napoli

Formazioni Juventus-Roma (2014/2015), la Gazzetta: “Vidal favorito”