Napoli-Swansea, sarà record negativo di presenze al San Paolo?

Record negativo di presenze al San Paolo. E’ quello che potrebbe essere registrato questa sera in occasione della sfida dei Sedicesimi di Finale di Europa League tra Napoli e Swansea. La prevendita non è mi decollata, nonostante il risultato dell’andata lasca ancora in equilibrio la partita. Secondo gli esperti stasera all’Arena di Fuorigrotta ci dovrebbero essere non più di trentamila spettatori, che sono comunque una bella cifra ma che fatta segnare a Napoli vuol dire record negatico.

Infatti quest’anno, anche nelle sfide di minore importanza, l’apporto del pubblico è stato sempre fondamentale e stasera potrebbe venire a mancare quella bolgia che invece si aspettano i calciatori per spingere sull’acceleratore e conquistare il passaggio del turno. Ma quali sono i motivi che spingono a questa specie di diserzione di massa? Di sicuro non i prezzi dei tagliandi che sono assolutamente nella norma.

Ci sono però due ordini di motivazioni che spingono i tifosi lontano dallo stadio. Il primo è pratico: la partita alle 19.00 in un giorno di metà settimana con negozi ed uffici aperti non può che allontanare la voglia di recarsi a Fuorigrotta. Il secondo è invece tecnico: l’involuzione avuta dal Napoli, con l’allontanamento dalle zone altissime della classifica in Serie A e la non vittoria contro il Genoa lunedì sera hanno creato un certo distacco verso la squadra. Ma di sicuro già dal prossimo 9 marzo quando a Napoli calerà la Roma il San Paolo tornerà ad essere di nuovo esaurito.

Leggi anche — > Swansea-Napoli, mille tifosi napoletani in trasferta

Leggi anche — > Napoli-Swansea, probabili formazioni: Benitez ritrova Fernandez

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Le 10 fidanzate più belle dei calciatori: La classifica

Napoli-Swansea, Monk: “Gli azzurri sono più forti di noi”