Napoli-Sampdoria 2-1, Romei: “Chiederemo Prova Tv contro Reina”

Ancora polemiche al veleno dopo Napoli-Sampdoria. L'avvocato Romei braccio destro di Ferrero intenzionato a chiedere la prova tv contro Reina.

Non si placano le polemiche per gli errori arbitrali dell’arbitro Di Bello durante il match Napoli-Sampdoria terminato con il risultato di 2-1. L’avvocato Romei braccio destro dl presidente Ferrero chiede la prova tv contro Reina, reo a suo dire di aver simulato il contatto con il difensore doriano Silvestre. Episodio che ha poi scaturito il secondo giallo per l’argentino e la successiva espulsione.

Ecco uno stralcio dell’intervista rilasciata dall’avvocato Antonio Romei al quotidiano sportivo La Gazzetta dello Sport: “Spesso in Italia la furbizia e la malizia hanno un’accezione positiva, mentre in altri contesti sportivi è negativa, come secondo me andrebbero considerate. Reina ha simulato e per questo chiederemo la prova tv contro Reina e faremo ricorso contro la squalifica di Silvestre. Gli organi sportivi valuteranno come agire sul portiere del Napoli”. 

Il consigliere del presidente blucerchiato Ferrero è durissimo nei confronti del numero uno azzurro e rincara la dose: “Silvestre non ha interferito in nessun modo nel rinvio di Reina. Servirebbero sanzioni più severe per le condotte antisportive e più aiuto da parte dei giocatori verso tutti gli arbitri”. 

I dirigenti della Sampdoria forse dimenticano che l’arbitraggio del direttore di gara Di Bello ha scontentato anche il Napoli. La moviola ha infatti dimostrato che agli azzurri manca un rigore per il fallo di Praet su Callejon. Sempre nel primo tempo Di Bello non sanziona il fallo da ultimo uomo su Mertens. Difficile che la prova tv però accontenti le richieste della Samp. Il regolamento parla chiaro: la prova tv è applicabile solo nel caso in cui l’espulsione è diretta e non per secondo giallo.