Napoli-Roma (Serie A): Garcia e Benitez cambiano le carte in tavola

Al San Paolo è di scena il big match Napoli- Roma, il derby del Sud. Una partita che non è mai stata definita”normale” per la grande rivalità delle due tifoserie e che Benitez e Garcia rendono ancora più spettacolare. D’altronde è un incontro decisivo che probabilmente può decidere le sorti del campionato per la lotta al secondo posto.

La gara sarà piena di spunti e contenuti e, senza subbio, promette scintille. La Roma, che vanta la difesa più forte del campionato, se la vedrà non solo con uno degli attacchi più forti del torneo, ma sicuramente il più imprevedibile. Partita anche di ex amati (De Sanctis) e di giocatori mancati (il belga-indonesiano Nainggolan).

I giallorossi dovranno fronteggiare le assenze dei giocatori simbolo (Totti – De Rossi), mentre il Napoli rinuncerà a Behrami e Jorginho. L’allenatore della Roma Luis Garcia questa volta sembra venire al San Paolo, a differenza della partita giocata in semifinale di Coppa Italia, meno spavaldo, schierando un 4-3-3 più coperto con Florenzi titolare al posto del più offensivo Ljajic. Il francese potendo giocare per il doppio risultato imposterà la partita prevalentemente sulle ripartenze, tipologia di gioco che ha caratterizzato gran parte del suo campionato.

Il tecnico spagnolo invece sa che la Roma soffre molto l’attacco azzurro, ed ha caricato ancor di più sia squadra che ambiente, dichiarando che “la vittora è l’unico obiettivo”, sperando anche nella spinta che solo il San Paolo sa dare in queste serate di grande calcio.

TUTTE LE NOTIZIE SU NAPOLI-ROMA