Napoli-Real Madrid, Champions complicata: le statistiche dei blancos

Le statistiche del Real Madrid, prossima avversaria europea del Napoli agli Ottavi di Champions League

Un ottavo da incubo prima ancora dell’inizio. Il Napoli è chiamato ad una vera e propria impresa contro il Real Madrid (il 5 febbraio a Madrid e il 7 marzo a Napoli). I Blancos vengono da ben 35 risultati utili consecutivi tra campionato e coppe. Un dato mostruoso che presenta al meglio la prossima avversaria del Napoli nel cammino europeo. Attualmente il Real Madrid è in testa alla classifica de La Liga con ben 40 gol segnati in sole 15 partite giocate. Un’incredibile ed inesauribile macchina da gol.

Napoli-Real Madrid. Basta pensarci solamente a questa sfida e un brivido non può che oltrepassare la schiena di chiunque. Forse è una scelta del destino, o magari della sfortuna, ma fatto sta che questa è la realtà. Il Napoli deve farcela, il Napoli può farcela ma il Real  è un colosso che nessuno si sarebbe aspettato di incontrare così presto.

Infondo siamo solo agli ottavi di Champions, e qualche tifoso partenopeo un po’ sognatore avrebbe immaginato di incontrare i Blancos in finale. Solo utopia. Il sogno finisce, o meglio comincia qui. Il 15 febbraio al Bernabeu sarà difficile, per non dire impossibile superare “Los Galacticos” di Zinedine Zidane, che ha di certo un brutto ricordo degli italiani dopo la vittoria dell’Italia al Mondiale in Germania 2006. Ma il Napoli potrà contare sulla bolgia del San Paolo il 7 marzo. I prezzi dello stadio di Fuorigrotta balzeranno alle stelle ed è lecito che sia cosi per un match del genere.

Le statistiche del Real sono da paura! 35 risultati utili consecutivi ottenuti da Zidane. Striscia iniziata lo scorso 6 aprile col 3-0 al Wolfsburg in Champions. L’assente giustificato in Napoli-Real Madrid sarà Gareth Bale, che dopo l’operazione alla caviglia resterà fuori fino ad aprile. Questa notizia può parzialmente rincuorare i tifosi azzurri, perché Zidane è riuscito a mettere su un Real impeccabile e i 35 risultati utili consecutivi ottenuti tra campionato e coppe lo dimostrano.

Inoltre l’allenatore francese è stato capace di integrare alla perfezione i giovani nell’undici titolare quali Vazquez e Mariano. Dunque il Napoli dovrà rimboccarsi le maniche, stringere i denti, lottare fino all’ultimo e fare il proprio gioco per scalare un vero e proprio Everest dal nome Real Madrid e tenere vivo il sogno europeo!