La parabola ascendente del brasiliano Rafael Cabral sembra essere giunta al punto di non ritorno. Già assente tra i pali del Napoli da ben due partite, all’estremo difensore è costata cara la “papera” contro il Palermo. Il tiro beffa di Achraf Lazaar dai 25 metri, nella ventitreesima giornata di Serie A, sfuggito dalle mani di Rafael ed entrato in rete, è costato al brasiliano il posto da titolare.

Eppure la sua stagione è cominciata nel migliore dei modi. Scelto come titolare dopo l’addio di Reina, il portiere si è messo in mostra guadagnandosi quella maglia che indossava alla perfezione. Mandato subito alla ghigliottina dopo l’errore in terra sicula, in pochi ricordano che dalle sue mani è dipesa la partita dello scorso 22 dicembre contro la Juventus a Doha. In quella partita decisiva fu la sua parata su Padoin, che permise ai partenopei di portare a casa la Supercoppa Italiana.

A tutti i grandi portieri è capitato di vivere un momento no, da Buffon in Italia, fino a Casillas in Spagna, ma tutti sono stati capaci di riprendersi e vincere con le proprie squadre. Occorre ridare fiducia al brasiliano e rimetterlo subito in campo, perchè solo giocando potrà ritrovare le grandi parate che fino ad ora lo hanno caratterizzato.

Leggi anche: