Conferenza stampa in diretta live su Twitter per Walter Mazzarri. I problemi sono quelli noti. Il Mister è più nervoso del solito. La pausa non ha fatto bene, ne è consapevole il livornese e tutto l’ambiente.

walter mazzarri allenatore napoliPrevisti molti cambiamenti per la trasferta di Torino che si prospetta tutt’altro che semplice. La prima novità è tra i pali, dove giocherà Rosati dal primo minuto. Impossibile recuperare De Sanctis in tempo, a causa del fastidioso colpo al gomito rimediato in ritiro con la nazionale. Come se non bastasse, grossi problemi anche per Campagnaro, che proprio sembra non aver smaltito la difficile trasferta di La Paz (Bolivia), dove l’Argentina di Leo Messi ha giocato a circa 3600 metri d’altezza.

Di certo non è stato facile neanche per gli altri nazionali. Anche Behrami ha accusato il colpo e la sua presenza è in forte dubbio all’Olimpico di Torino. Problemi, inoltre, anche per le condizioni di Armero e Zuniga, rientrati solo ieri e di cui saranno attentamente valutate le condizioni prima della partenza.

In attacco tiene banco il caso Cavani. Mazzarri lo incontrerà direttamente a Torino ma la sua presenza non è affatto scontata. Scalpitano Insigne e Pandev, con Calaiò ancora alla finestra.

Insomma sarà un Napoli ampiamente rimaneggiato quello che affronterà la trasferta contro i granata. Le uniche certezze sono nel reparto arretrato dove, oltre a Rosati, giocheranno Gamberini, Cannavaro e Britos. Il resto della formazione è ancora un rebus. Il Napoli proverà ad imporsi, è ovvio. Ma, al momento, le difficoltà ci sono, e tante. E non c’è da meravigliarsi se, nelle ultime ore, in molti tendono a schierarsi con De Laurentiis e con la proposta lanciata qualche giorno fa. Con un campionato a 16 squadre, questi problemi sarebbero ampiamente evitati. Anche se, per onor di cronaca, gli stessi problemi si registrano in tutti quei campionati che incessantemente sopravanzano e, purtroppo, lì di questi colpi non se ne vedono.