Napoli-Juventus, rientri sospetti dalle Nazionali dei bianconeri

Facciamo il conto dei rientri dalle Nazionali a pochi giorni da Napoli-Juventus

A soli 6 giorni dal primo dei due Napoli-Juventus, Allegri e Sarri chiedono ai loro giocatori la massima concentrazione. Poco importa se molti sono impegnati con le rispettive nazionali, la testa dei giocatori è già al match del San Paolo. Tanti i rientri sospetti per i bianconeri: c’è bisogno di preparare al meglio due match chiave per entrambe le squadre. La Juventus è quasi al completo: a Vinovo si studia come battere gli azzurri

I primi a “mollare” le proprie nazionali per rientrare a Vinovo, con grande felicità del tecnico bianconero, sono stati Gonzalo Higuain e Dani Alves. I due sudamericani sono stati entrambi ammoniti nelle rispettive prime partite di qualificazione al Mondiale 2018. Guadagnata la squalifica per la seconda partita hanno preferito rientrare a Torino. A questi due sono seguiti Mario Mandzukic, che lascia il ritiro con la Croazia dopo la vittoria contro l’Ucraina, e Andrea Barzagli. Tra i due il secondo è quello che ha sollevato più polemiche: il difesone della Nazionale Italiana dopo essere rientrato in anticipo a Vinovo per un problema muscolare è stato fotografato la sera stessa in una discoteca di Riccione.

L’ultimo ad aggiungersi alla lista dei rientri anticipati è il bosniaco Miralem Pjanic: il suo arrivo a Vinovo è previsto nella giornata di domani. Se i mondiali del 2018 rappresentano molto per tanti giocatori, il doppio confronto Napoli-Juventus non è da meno.

Napoli, due rientri: uno è acciaccato

Ai tanti rientri ante-tempo della Juventus, per il Napoli rispondono i rientri anticipati solo di Koulibaly e Reina. Il colosso azzurro ha deciso di non giocare la seconda amichevole con la nazionale senegalese, mentre per Pepe Reina è stata una scelta quasi forzata: il portiere spagnolo ha dovuto lasciare il ritiro iberico per un problema muscolare e sottoporsi alle cure dello staff medico azzurro. Solo nei prossimi giorni rientreranno anche Hamsik, Milik, Zielinski, Maksimovic e Chiriches. L’ultimo di questi neanche al top della condizione dopo aver rimediato un colpo alla spalla nell’ultima uscita con la sua Romania.