Napoli-Juventus 2-0, il gol di Mertens esempio da scuola calcio

dries mertes napoli

Definire importante Napoli-Juventus, non è l’aggettivo più adatto. Questa per i tifosi del Napoli è la partita dell’anno, ed importa relativamente poco se la Juve arriva al San Paolo con quasi mezzo scudetto cucito sulla maglia. Ciò che conta, per la tifoseria e la città di Napoli, è battere i bianconeri. Non è solo rivalità calcistica, sono tanti e vari i motivi per cui questo match diventa fondamentale.

I calciatori del Napoli tutto questo l’hanno capito e scendono in campo col piglio della grande squadra. Nei primi 25 minuti gli azzurri mettono alle corde la Juventus, sfiorando il gol più volte, miracoloso è Buffon in due occasioni, su Callejon e Hamsik. E’ uno spettacolo vedere giocare la squadra in questo modo. Infatti il Napoli passa in vantaggio al 37°, con uno schema provato più volte durante la gara. Lancio di Insigne in area a tagliare la difesa bianconera, inserimento perentorio di Callejon che infila alle spalle del portiere della Juve.

Ci si aspettava un Napoli perfetto in questa partita e  i calciatori azzurri non tradiscono le attese: sempre aggressivi sui portatori di palla gli azzurri non consentono quasi mai ai bianconeri di impensierire Reina. Nel secondo tempo, complice il calo d’intensità del Napoli, la Juve alza il baricentro e prova a cercare il pareggio, mentre gli uomini di Benitez aspettano per ripartire in contropiede.

All’ottantesimo l’occasione giusta: i due subentranti Pandev e Mertens, confezionano il raddoppio. Lancio del Macedone, stop di petto di Mertens, protezione della palla, finta di corpo a disorientare l’avversario e gran diagonale alla destra di Buffon. Una perla da vero fuoriclasse quella del nazionale belga, da far vedere e rivedere ai ragazzini delle scuole calcio. E’ l’apoteosi al San Paolo, decade il record d’imbattibilità della Juventus.

TUTTE LE NOTIZIE SU NAPOLI-JUVENTUS