Napoli, Jorginho: “L’anno prossimo ci toglieremo molte soddisfazioni”

Jorginho è arrivato solo a gennaio, ma si è subito calato nell’ambiente Napoli e così al termine della stagione ha già dichiarato: “Nella prossima annata potremo conquistare altri traguardi e toglierci molte soddisfazioni”. Una vere e propria promessa ai tifosi che aspettano solo di essere trascinati verso traguardi importanti per infiammarsi e così l’italo-brasiliano ha tracciato il bilancio di sei mesi vissuti all’ombra del Vesuvio: “E’ stato fantastico vincere la Coppa Italia, ma il momento che porterò sempre dentro è il gol contro la Roma che ci diede il 3-0 e la quasi certezza della qualificazione in finale. E poi il boato del San Paolo, sentire la gente che urla il tuo nome dopo il gol è un’emozione indescrivibile. Attimi da brividi che ho ancora sulla pelle”.

Jorginho è stato subito impiegato da Benitez e lui ha risposto presente: “Con lui ho un rapporto bellissimo, sono giovane e devo migliorare tanto e il mister mi sta aiutando molto per la mia crescita. So che dovrò lavorare tanto ed il suo apporto sarà fondamentale per il mio futuro”. Quindi il saluto ai tifosi prima di partire per le meritate vacanze: “Per me che sono un ragazzo umile, arrivare in una grande piazza quale è quella di Napoli rappresenta un premio per tutti i sacrifici che ho fatto in carriera, una gioia immensa”.

Leggi anche — > Jorginho: “Sto vivendo grandi emozioni”

Leggi anche — > Napoli-Roma 3-0, il video del gol di Jorginho dalla Curva

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Calciomercato Napoli, in attacco più Mitroglu che Gilardino

SSC Napoli, il comunicato contro il Presidente del San Paolo