Napoli, Hamsik resta: “Mi ha chiamato Ancelotti, sono ancora un calciatore del Napoli”

Non è più così certo il trasferimento di Hamsik in Cina. A far cambiare i piani del capitano del Napoli una chiamata di Ancelotti.

Hamsik-Cina: Ancelotti lo chiama

Cina sempre più distante per Marek Hamsik. Durante un’intervista per Sport24 lo slovacco ha confessato di poter rimanere a Napoli rifiutando il contratto faraonico dei cinesi. A far cambiare idea al capitano del Napoli una chiamato di Carlo Ancelotti: “Ho ricevuto una chiamata di Ancelotti… Sono ancora un calciatore del Napoli.”

Hamsik tentato dalla Cina: l’amore dei tifosi e la fiducia di Ancelotti possono trattenerlo

“Sono un calciatore del Napoli, per ora. Ho ricevuto una chiamata di Ancelotti, confesso che sono tentato dal trasferimento, ma vedremo col tempo. Cina? Ci sono stato solo una volta, quando ci giocammo la Supercoppa, ma nella vita bisogna provare tutto”. Queste le parole rilasciate dal Marekiaro agli slovacchi di Sport24. Parole che fanno ben sperare i tifosi del Napoli che rischiano di perdere il proprio capitano prima di una stagione che potrebbe rivelarsi decisiva per il sogno scudetto.

L’offerta dei cinesi è di quelle irripetibili: 10 milioni a stagione per tre anni. Contratto faraonico per un giocatore alla soglia dei 31 anni. Tutto questo però potrebbe ridursi ad una semplice suggestione estiva grazie alla fiducia che il nuovo allenatore del Napoli ripone in Hamsik. Altrettanto decisivo potrebbe essere l’amore che i tifosi napoletani ripongono per il proprio capitano, da 10 anni all’ombra del Vesuvio. Potrebbe essere questo l’anno decisivo per quel sogno nel cuore di tutti soprattuto di Hamsik.

Scritto da Daniele Baldassarre

Quella del giornalismo è una passione. Amante dello sport, soprattuto di calcio.
Studente di Ingeneria. Classe '94.

Jorginho al City

Jorginho al Manchester City: offerta da 45 milioni. De Laurentiis temporeggia.

I Napoli club ringraziano Sarri

Napoli – Sarri nel cuore dei tifosi: 31 club azzurri a casa sua per ringraziarlo