Napoli-Genoa 2-1, Koulibaly: “Benitez spero che resti”

E’ felice al termine di Napoli-Genoa 2-1 Kalidou Koulibaly, ma il difensore napoletano rivolge prima un pensiero al suo allenatore che per lui è diventato un mentore: “Spero che resti, ma è normale. Ha fiducia in me, credo che tutta la squadra e tutti i tifosi sperano nella sua permanenza”. Poi si sofferma sull’analisi della gara e ammette: “Siamo felici di aver vinto di fronte il nostro pubblico, era da parecchio tempo che non ci riuscivamo”. Quindi si sofferma su quali sono gli obiettivi adesso per il Napoli: “Adesso pensiamo al terzo posto, vogliamo sempre vincere e vedremo dove saremo tra dieci gare. Per ora il nostro obiettivo resta il terzo posto”.

Quindi bisogna cancellare dalla mente la Roma e il secondo posto o almeno dirlo sottotraccia e cercare poi di avvicinarsi il più possibile per tentare una qualificazione diretta in Champions League che vorrebbe dire davvero tanto per i partenopei. Koulibaly sotto sotto ci crede anche perché sta crescendo di condizione: “Non è stato semplice ambientarsi, in Belgio il calcio è meno veloce. Il mister e i compagni mi hanno aiutato, ma devo continuare a lavorare. Devo migliorare in allenamento e in partita, il mio lavoro non è finito”, ha ammesso il difensore.

NAPOLI-GENOA: TUTTE LE NOTIZIE