Gasperini è probabilmente il più raggiante di tutti. Il suo Genoa pareggia al San Paolo con un gol capolavoro di Emanuele Calaiò ed è chiaro che è proprio il Genoa ad ottenere il risultato migliore. Insomma, il favore dei pronostici era tutto per gli azzurri; sulla carta il Napoli è nettamente superiore e, invece, i rossoblù hanno tutto sommato retto nel primo tempo e recuperato metri via via nella seconda frazione di gioco.

Evidentemente per Gasperini fare risultato al San Paolo risultava determinante. In passato è stato molto vicino alla panchina azzurra. Poi il destino ha riservato, per lui e per gli azzurri, strade diverse. Ma stasera una sorta di rivincita c’è stata: “I ragazzi mi hanno dato una grande soddisfazione. Temevo di perdere il record di imbattibilità con il Napoli. Avevamo fatto giá buone prestazioni con grandi squadre, abbiamo dimostrato di saper reggere l’urto. Avevamo la condizione mentale ed atletica per reggere la pressione offensiva degli azzurri, il fatto di poter variare il nostro aspetto è una grande forza di questa squadra, Centurion oggi giocava addirittura esterno basso.”

Poi arriva il riferimento al gol di Emanuele Calaiò, quel gol che ha praticamente stupito tutti. Ma non Gasperini. Si perché per il tecnico rossoblù: “Calaiò ha sempre tirato molto bene le punizioni, in altre squadre non tirava mentre tra noi è tra i più accreditati.” – e ancora – “Calaió è un ragazzo straordinario che è stato in ombra e meritava questa gioia.”

TUTTE LE NOTIZIE SU NAPOLI-GENOA

Leggi anche –> Napoli-Genoa 1-1, il video del gol capolavoro di Calaiò
Leggi anche –> Napoli-Genoa 1-1, il video dei gol e gli highlights