Napoli-Empoli 2-2: Cronaca e Tabellino

Come a Marassi, il Napoli viene bloccato anche in casa dall’Empoli e costretto a recuperare un doppio vantaggio che avrebbe avuto un retrogusto amaro per il proseguo in campionato. Cervellara di Taranto decreta il fischio iniziale alle 12:30. Novità di formazione per il Napoli rispetto alla gara di Genova. Classica difesa a 4 con Maggio-Henrique-Albiol-Ghoulam, davanti alla difesa si schierano D.Lopez e Jorginho, alla trequarti Callejon, Hamsik e Mertens, unica punta Duvan Zapata.

Mister Sarri schiera in campo una squadra offensiva con i veterani Maccarone e Tavano in attacco supportati da Verdi, Croce, Valdifiori e Vecino a centrocampo. Trascorsi 3 minuti Henrique recupera palla sulla destra, si immola sulla fascia e scarica su Hamsik che di sinistro lascia partire un rasoterra che sarà facile presa dell’estremo difensore Sepe. È solo una breve fiammata per i padroni di casa, poco incisivi e predisposti a creare gioco nei primi 45 minuti. L’Empoli è perfettamente schierata in campo con Rugani e Mario Rui che oscurano Zapata lasciato solo e senza supporto in area avversaria. A centrocampo Verdi e Valdifiori sono sempre presenti nelle azioni di pressing, recuperando ottimi palloni sulla mediana.

Al 18’ si rivede il Napoli: Callejon sulla destra mette la palla nel cuore dell’area avversaria, Ghoulam non ci pensa troppo e tenta il colpo vincente di sinistro, ma Sepe è insuperabile e devia in angolo. Corner fatale per il Napoli. Dopo la battuta dalla bandierina la sfera rimane nella terra di nessuno sulla trequarti, ne approfitta Maccarone che da inizio ad un micidiale contropiede: corsa verso la porta avversaria dell’attaccante, con Verdi che scatta a supporto sulla fascia non contrastato dai difensori campani alle prese con la punta toscana. Quest’ultimo lascia filtrare la palla per Verdi che a tu per tu con Rafael infila l’angolo alle spalle del portiere. 1-0 Empoli. Reazione Napoli al 22’ con Mertens che ci prova dal limite di destro, Sepe si distende e respinge la sfera. Non c’è respiro per i campani e un minuto dopo Maccarone spreca il raddoppio: David Lopez perde malamente la sfera sulla quale si lancia Maccarone che si ritrova tra i piedi un rigore in movimento, ma il suo tiro sfiora il palo sulla destra di Rafael.

Al 24’ ci prova ancora l’Empoli con Tavano su cross di un inesauribile Maccarone, Rafael è attento e para. La difesa dell’Empoli non cede nemmeno al 34’ su un destro rasoterra di Hamsik sul quale Sepe (scuola Napoli) non sbaglia e blocca in tuffo. Termina sull’1-0 il primo tempo, risultato che cambia dopo 7 minuti dalla ripresa con il raddoppio dei toscani. Calcio d’angolo dalla destra, mischia confusa in area campana, Maccarone stacca di testa e prolunga la sfera agguantata da Rugani che controlla e batte Rafael: 2-0. Cambio per i campani: dentro Higuain e fuori Hamsik: il Napoli cerca l’impresa.

Sugli sviluppi di un calcio d’angolo dalla destra Callejon mette la palla al centro sulla quale svetta Zapata che di testa accorcia le distanze e ravviva le speranze dei partenopei. Al 70’ fuori Mertens e dentro De Guzman, sarà il cambio decisivo: dopo pochi secondi dal suo ingresso va in goal e regala al Napoli una strepitosa rimonta. Su lancio di Maggio sinistro vincente e parità ristabilita. Il resto della partita vede un Empoli predisposto alla difesa che non concede al Napoli una sperata vittoria.

Leggi anche: 

TUTTE LE NOTIZIE SU NAPOLI-EMPOLI