Napoli-Dnipro, Ok Uefa al San Paolo. Hamsik e Zuniga in Forse

Stadio San Paolo Fuorigrotta

Arriva l’ok della Uefa al San Paolo in vista dell”incontro di Europa League tra Napoli e Dnipro. Ma in vista dell’incontro preoccupa lo stato di salute di Hamsik e Zuniga. Per quanto riguarda la struttura di Fuorigrotta, si è conclusa l’ispezione degli inviati della Uefa allo stadio, cominciata alle 15 di martedì e durata quasi quattro ore.

I due ispettori hanno controllato le zone dello stadio che non rispettavano le norme di sicurezza dell’Uefa e che sono state sottoposte a ristrutturazione dal Napoli nell’ultima settimana. Gli ispettori hanno comunicato martedì in serata la loro decisione sulla completa apertura dello stadio San Paolo per il match di giovedì sera con il Dnipro.

Tuttavia l’Ssc Napoli aveva già affermato di aspettare “con serenità la decisione” – queste le parole del dirigente Alessandro Formisano. I lavori al San Paolo sono iniziati mercoledì della scorsa settimana con circa 40 operai che lavorano praticamente dall’alba alla sera inoltrata per presentarsi pronti all’appuntamento. “Martedì scorso – ha spiegato all’Ansa il capo delle operazioni del Napoli, Formisano – il Comune ci ha autorizzato a cominciare i lavori che abbiamo subito appaltato per avviarli al più presto”.

Sono stati eseguiti gli spicconamenti e i rifacimenti di intonaco necessari, ma anche interventi più profondi sul ripristino del ferro nell’impianto, in particolare nel settore riservato ai disabili dove c’erano molti ferri scoperti. La ‘Uefa che ha dovuto verificare se ci fossero le condizioni per aprire tutto lo stadio. Lo scorso 26 ottobre l’organizzazione calcistica europea aveva vietato per il match di giovedì la vendita dei biglietti per 12 settori (3, 4, 5, 8, 9, 10, 11, 12, 17, 18, 23 e 24, e quello riservato ai disabili).

Sanzione decaduta per il Napoli che ha dato risposte soddisfacenti agli inviati da Nyon. Ma rischio bello grosso quello corso, dato che nella decisione dell’Uefa si prevedeva che nel caso in cui l’esecuzione dei lavori al 6 novembre non fosse ritenuta soddisfacente o parzialmente soddisfacente, sarebbe stato proposto il divieto di giocare al San Paolo le gare europee.

Intanto fiato sospeso anche per la rosa che scenderà in campo contro il Dnipro. Mazzarri è rientrato dopo gli accertamenti cardiaci alla clinica

 

Montevergine di Avellino ed ha tenuto martedì l’allenamento pomeridiano a Castelvolturno. La squadra ha svolto lavoro atletico in avvio e successivamente allenamento tecnico tattico. Chiusura con partitella in famiglia a campo ridotto. Zuniga ha fatto terapie ed ha proseguito il suo lavoro personalizzato sul campo. Hamsik, invece, che ha accusato un leggero stato influenzale, ha svolto allenamento differenziato.

La città, dunque, è pronta per accogliere l’incontro fondamentale di Europa League. E le Ferrovie dello Stato hanno riprogrammato le corse della Metro linea 2 per agevolare l’uscita dallo stadio. Giovedì al termine dell’incontro in programma alle ore 19, nella stazione di Campi Flegrei gli sportivi potranno avvalersi di un adeguato servizio metropolitano. Per favorire la fase di deflusso del pubblico, Trenitalia Campania ha riorganizzato le corse nella fascia oraria della prima serata, concentrando nella stazione flegrea i convogli normalmente disponibili e razionalizzando le partenze in modo da garantire un più agevole rientro ai tifosi che avranno scelto di spostarsi con i treni della Linea 2.

I biglietti di viaggio potranno essere acquistati anche nella biglietteria di Campi Flegrei e saranno controllati da personale del Gruppo Fs che, in collaborazione con la Polfer, provvederà a razionalizzare l’accesso dei viaggiatori alle banchine delle metropolitane in partenza. Saranno ammessi a bordo solo i viaggiatori con regolare biglietto. La fermata di Piazza Leopardi sarà chiusa dalle 20 e 30 alle 22.