Napoli, Callejon: “Sono in un top club, è la storia che lo dice”

José María Callejon è senza dubbio uno dei punti di forza del Napoli di Rafa Benitez. L’esterno spagnolo, dopo una stagione da protagonista con la maglia azzurra, è stato più volte accostato in questa sessione di mercato a top club europei che hanno messo gli occhi su di lui. I tifosi azzurri, che stravedono per lui, possono dormire sogni tranquilli, la società del presidente De Laurentiis non ha la minima intenzione di far partire il forte esterno spagnolo.

Callejon stravede per Napoli e i Napoletani e vuole restare a lungo con la maglia azzurra con la quale vuole vincere tanti trofei come confermato dallo stesso sulle pagine del Corriere dello Sport “Venire a Napoli è stata una bella scelta, in questa città e in questa squadra sto benissimo. Sono contento della mia prima stagione in azzurro ma voglio migliorarmi nella prossima dove il Napoli può ambire a risultati ancora più prestigiosi. Champions o lo scudetto? E se fosse possibile, posso prenderli entrambi? Perché scegliere? È il desiderio di qualsiasi calciatore riuscire a vincere e noi siamo nelle condizioni di farlo, anche se c’è una grande concorrenza”.

Dopo i 20 gol della passata stagione, Callejon non si pone limiti per la stagione 2014-2015 “Mi andrebbe bene farne 21, per migliorarmi. Mi accontento di poco. L’inizio della passata stagione è stato meraviglioso. Gran clima di festa intorno a noi e poi una serie di successi che ci hanno inorgoglito. La vittoria nella finale di Coppa Italia, nonostante quanto accaduto fuori dallo stadio, dal punto di vista sportivo è stato eccezionale: perché questo trofeo lo abbiamo conquistato dopo aver battuto la Roma, seconda in campionato, e la Fiorentina, che ci ha dato filo da torcere sino all’ultimo”.

Nella passata stagione alcuni errori hanno frenato le ambizioni del Napoli: “Ci è mancata la continuità. In alcune partite abbiamo regalato punti agli avversari. Questi errori hanno presto allargato la distanza con Juventus e Roma. È su quest’aspetto che dovremo lavorare. Sono un calciatore affamato, che ha sempre voglia di lavorare e imparare, che antepone i successi della squadra ai suoi. Ma anche ambizioso, ovviamente. Il Napoli 2014-2015 sarà ancora più forte e vogliamo lottare fino alla fine per i nostri obiettivi. C’è una storia che lo dice, questo è un club che da anni vive tra le grandi”. 

Leggi anche:

dries mertes napoli

Reina-Napoli, Mertens su Twitter: “Resta con noi”

Italia-Uruguay: Marika Fruscio punta su Insigne e Immobile