Napoli, Benitez a Radio Kiss Kiss: “Hamsik deve prendersi più responsabilità”

E’ un Benitez proiettato al futuro e sicuro del lavoro compiuto dagli azzurri fino a questo momento, quello che interviene ai microfoni di Radio Kiss Kiss durante il consueto appuntamento con “Siamo tutti Ct”. Prima le indicazioni per la prossima campagna acquisti del Napoli, poi una veloce carrellata su vicende comunque spinose e care ai tifosi partenopei.

Innanzitutto la prossima gara all’orizzonte, la sfida in trasferta al Torino. L’undici di Ventura quest’anno ha più volte dimostrato di sapersi imporre e di tenere il pallino del gioco. Toccherà al Napoli spezzarlo ed approfittarne: “Il Torino è una squadra difficile da affrontare, pareggia bene, ma quando siamo concentrati al 100% possiamo vincere contro chiunque.” 

La palla passa, poi, alla questione Hamsik. Le dichiarazioni del centrocampista slovacco al termine della gara contro il Porto hanno destato qualche perplessità. Benitez fa immediatamente chiarezza: “E’ un giocatore che non ha più di fianco Lavezzi e Cavani e deve prendersi più responsabilità. Ha iniziato bene, ma con l’infortunio qualcosa ha perso. Lui lavora molto bene, ma deve dire a tutti io sono qui e farsi vedere sempre.” Insomma ad Hamsik Benitez chiede di assumersi una certa dose di respnsabilità; pretende quasi che lo slovacco imponga una volta per tutte la sua personalità. Per la serie … “Sono Marek Hamsik, il capitano del Napoli, sono un campione e sono qui”. 

Infine la delusione per la gara contro il Porto e la consapevolezza che la questione è ancora aperta. A Napoli sarà diverso: “Spero di vedere un Napoli al livello del secondo tempo. E’ importante andare avanti e noi proveremo a dare il 100%. Loro sono una squadra di Champions, hanno tanti titoli, non sarà facile ma ce la possiamo fare.”

Leggi anche –> Calciomercato Napoli, le indicazioni di Benitez sulla prossima campagna acquisti
Leggi anche –> Torino-Napoli: Probabili Formazioni e Ultime Notizie
Leggi anche –> Porto-Napoli 1-0, Hamsik: “Faccio fatica a giocare. Devo ritrovarmi”