Napoli-Atletico Bilbao, Benitez: “Il San Paolo sia il dodicesimo uomo”

Consapevolezza dei propri mezzi e buon approccio alla gara, senza mai sottovalutare l’avversario. Questa la ricetta di Rafa Benitez in vista di Napoli-Atletico Bilbao e della gara di ritorno al San Mamès. Secondo il mister spagnolo, che ha rilasciato importanti dichiarazioni in conferenza stampa, la gara di domani sarà sicuramente affascinante, sia per i valori in campo, sia per l’intensità di gioco delle squadre, sia dal punto di vista prettamente tattico.

Il passaggio del turno è importante. Lo è per la squadra, lo è per Marek Hamsik intervenuto in conferenza, lo è per il futuro della società e la conferma arriva proprio da Rafa Benitez: “Proviamo a fare il massimo e vediamo che succede. Da queste due partite dipende il futuro della società che può essere ancora più brillante se andiamo avanti.” Poi una battuta sull’importanza del San Paolo. Tutti sottolineano quanto il San Mamès sia determinante per le vittorie dell’Atletico ma Benitez sottolinea l’importanza dell’impianto di Fuorigrotta per le sorti dei partenopei: “Il San Mamès è mitico ma il San Paolo è uguale. Dovrà essere quello delle grandi sfide, deve essere il dodicesimo uomo in campo. I tifosi devono aiutare i giocatori anche quando sbagliano.”

Si passa poi alle questioni prettamente tecniche. Il Napoli arriva con un buon livello di preparazione, certamente inferiore a quello degli avversari che, secondo Benitez, sono un tantino più avanti: “Vogliamo fare bene al San Paolo ma la squadra non può essere al 100% dopo il mondiale. Abbiamo fatto il massimo ma loro hanno un po’ di vantaggio a livello fisico” – e ancora – “Higuain sta bene, ma non è ancora al 100%; anche all’80% può fare la differenza.”

Inevitabilmente, poi, la conferenza stampa scivola sul futuro. Su quello del tecnico (ma Benitez preferisce ancora una volta glissare) e su quello del progetto Napoli che, però, secondo il mister, non dipende a stretto giro con il passaggio del turno: “Gli acquisti sono legati anche al campionato. Il preliminare è impostante da un punto di vista economico e di immagine ma noi dobbiamo crescere lo stesso: avremo Scudetto, Coppa Italia ed Europa League. La mia esperienza mi dice di giocare la finale e di non pensare a cosa accade se perdo ma di vincerla.” – e ancora – “Il preliminare è fondamentale ma non passaare il turno non è la fine della società. Dobbiamo essere positivi.”

Leggi anche: 

TUTTE LE NOTIZIE SU NAPOLI-ATLETICO BILBAO

NAPOLI-ATLETICO BILBAO: LE FORMAZIONI

Scritto da Massimo Esposito

Napoletano di nascita e cilentano d'adozione, è appassionato di letteratura sportiva e del Calcio Napoli. Nasce economista per svista con la grande necessità di comunicare e di trasmettere. Di condividere e di parlarne. Il tempo libero (spesso troppo) è dedicato alle sue grandi passioni, tra cui i cani. Massimo Esposito su Twitter

Napoli-Atletico Bilbao, Hamsik: “Fattore campo determinante”

Napoli-Athletic Bilbao: i convocati di Benitez per la gara