Napoli-Atalanta: 40 mila spettatori previsti al San Paolo

Sono 40 mila gli spettatori previsti al San Paolo per Napoli-Atalanta

Un’ondata di 40 mila spettatori invaderà il San Paolo questo pomeriggio. Napoli-Atalanta è la partita che dà inizio a quel tour de force degli azzurri che proseguirà con Juventus, Roma e Real Madrid e i tifosi napoletani, complice anche l’accessibilità dei prezzi, vogliono far sentire la loro presenza a Maurizio Sarri e ai suoi uomini. Questa la ragione per cui nel match contro l’Atalanta dovrebbero registrarsi, secondo quanto previsto, circa 40 mila presenze.

La partita contro i nerazzurri di Bergamo si presenta come una sfida non semplice perché la squadra di Gasperini ha saputo dimostrare nel corso delle precedenti 25 giornate di essere un duro avversario e una squadra solida e perché Napoli-Atalanta sarà l’ultima partita che gli azzurri disputeranno in casa prima del match di Coppa Italia contro la Juventusallo Stadium il settore ospiti sarà chiuso – e dello scontro diretto contro la Roma in Serie A, trasferta anch’essa a rischio. I tifosi del Napoli quindi approfitteranno della partita di oggi per caricare più possibile i propri beniamini.

I biglietti di curve e distinti erano già in esaurimento a metà settimana, i restanti settori però non sono da meno e anche se per Napoli-Atalanta non si registrerà il tutto esaurito – per quello occorrerà attendere la sfida con il Real Madrid del 7 marzo – il supporto ai partenopei non mancherà. Arriveranno in 40 mila al San Paolo e questi saranno tutti azzurri.

curva-b-napoli

Vietata la vendita dei biglietti di Napoli-Atalanta ai residenti in Lombardia

Non dovrebbe essere popolato infatti il settore ospiti dell’impianto sportivo di Fuorigrotta durante il match contro gli orobici: come comunicato in settimana, infatti, è stata vietata la vendita dei biglietti ai tifosi nerazzurri residenti in Lombardia. Gli uomini di Gasperini potranno quindi contare sulle proprie forze e sulla presenza di qualche tifoso nerazzurro proveniente da altre regioni d’Italia.