Napoli-Atalanta 1-1, Nicchi: “Non ho visto ancora il gol di Pinilla”

Non si è fatta attendere la risposta di Marcello Nicchi capo degli arbitri, dopo il duro attacco via twitter da parte della società azzurra:Le polemiche sono la cosa più bella del calcio italiano. Il Napoli? Noi lavoriamo per fare bene, poi nelle undicimila partite che dirigiamo ci sono anche degli errori. Non parlo direttamente di una squadra, di tutte. La tecnologia? Sta arrivando con l’introduzione già dal prossimo campionato. Poi vedremo dopo dove ci arrampicheremo per fare polemica. Noi non dobbiamo preoccuparci di quello che pensano gli altri. Noi diamo un servizio e cerchiamo di farlo con qualità.

Nel messaggio scritto sul social network il club partenopeo accusa non solo la direzione di gara a dir poco scadente dell’arbitro Calvarese, ma invita il presidente della federazione Tavecchio a fare chiarezza e prendere seri provvedimenti in merito, altrimenti c’è il rischio concreto di far perdere credibilità al calcio italiano. Ancor più sconcertante il proseguo dell’intervista al presidente dell’Aia che commenta con queste parole l’errore del direttore di gara, che ha letterelalmente falsato l’esito della partita: “L’errore di Napoli? Non ho visto l’episodio perché ero ad un convegno. Mi hanno detto che forse c’è stato un errore. Devo ancora vedere. Una risposta al Napoli? Rispondiamo con i fatti. C’è una commissione che valuta il rendimento degli arbitri per capire se c’è stato un errore e come correggerlo. Proprio come una squadra”.

Gravissimo che il capo degli arbitri non abbia visto ancora l’episodio incriminato durante la gara tra Napoli e Atalanta, che ha suscitato tanto scalpore. Dunque la polemica tra De Laurentiis e Nicchi, nata proprio a causa degli errori arbitrali durante la gara tra Napoli e Juventus, sembra non finire mai, anzi sarà destinata a durare ancora per molto tempo.

NAPOLI-ATALANTA 1-1: TUTTE LE NOTIZIE

Napoli-Atalanta 1-1, Marotta: “Campionato non è falsato”

Napoli-Atalanta 1-1, Paolo Cannavaro: “Episodi che accadono”