Napoli a Dimaro 2013-2014, Benitez: “Il Napoli vi sorprenderà”

Intervista esclusiva di Rafa Benitez alla Gazzetta dello Sport alla vigilia della prima amichevole stagionale del suo Napoli. Dal ritiro di Dimaro, il tecnico madrileno ripercorre brevemente la sua carriera, parla del suo passato italiano (leggi Inter) e delinea gli obiettivi del nuovo corso partenopeo. A chi gli ricorda che in carriera ha vinto mantenendo comunque un certo stile e un bel sorriso stampato sul faccione, l’ex tecnico del Chelsea risponde dichiarando: “Ho vinto dieci titoli in carriera: si può, purché ci siano rispetto e disponibilità. Mi arrabbio anch’io, ma so dove posso arrivare“.

Ma a chi si ispira Benitez? “Io sono io. Ho imparato dalla scuola di Del Bosque, Sacchi e Maturana. Non cambio pelle“: parole chiare, decise e che fanno trasparire molta sicurezza e una precisa identità da parte dell‘allenatore affermatosi a Valencia. Ma Don Rafè non si ferma e nonostante i dieci titoli vinti in carriera mantiene tanta umiltà: “Il problema è che ci sono tanti allenatori che amano la ribalta e parlano troppo. Dietro le vittorie c’è solo grande lavoro, non le chiacchiere“.

benitez

La conclusione – amara – non può essere che per la sua ex squadra, l’Inter, incapace di mettere Benitez nelle condizioni ideali per poter esprimere al meglio le sue conoscenze tecniche e tattiche. “Al 100 per cento dico che non vivo quest’esperienza come una rivalsa contro l’Inter. Anche se mi dissero che avrebbero preso giocatori. E invece zero acquisti. Hanno venduto anche Balotelli per far cassa. Non porto rancore. Ricordo solo che in 5 mesi ho vinto 2 titoli e un Mondiale per club che mancava da anni”. “Ora ho voltato pagina, – in chiusura – Napoli è un’altra sfida”.

Leggi anche–> I bookmakers spediscono Ibra al Napoli

Leggi anche–> Insigne jr al Perugia

Leggi anche–> Segui in streaming il ritiro del Napoli

Leggi anche–> Mazzarri: “Benitez deve vincere lo Scudetto”