Morte Pesaola, Azzurri con il lutto al braccio in Napoli-Lazio?

Una morte che ha lasciato tutti basiti perché a lasciare la vita terrena è stato prima che un grande allenatore del Napoli un grande amico della città partenopea e dei suoi abitanti. Si tratta di Bruno Pesaola o meglio il Petisso che dovrebbe essere onorato dal Napoli nel corso della gara contro la Lazio mettendo il lutto braccio ai suoi giocatori. Ricordo che segue a quello che il Napoli ha voluto tributare su Facebook e Twitter appena appresa la notizia della tragica scomparsa.

Pesaola ha lasciato la vita terrena a 89 anni per un collasso cardiocircolatorio. Nato a Buenos Aires nel 1925 da genitori marchigiani era arrivato in Italia nel 1947 per giocare nella Roma, ma dopo tre anni di giallorosso l’approdo prima al Novara e poi al Napoli nel 1952. Quindi l’amore viscerale per la città partenopea e la storica vittoria da allenatore di una Coppa Italia nel 1961/1962 con il Napoli che riesce a trionfare nel Trofeo Nazionale anche essendo in Serie B.

Leggi anche:

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Morto Pesaola, SSC Napoli: “Un pezzo di storia se ne va”

Inter-Empoli: Diretta Tv, Streaming e Pronostico (2014-15)