Morosini, un Anno Dopo. Tutte le Iniziative di Livorno per Ricordare il Giocatore

Il tempo passa veloce, ma non serve a rimarginare le ferite più dolorose. Domenica sarà un anno dalla morte di Piermario Morosini, il centrocampista del Livorno che perse la vita sul campo di Pescara durante la partita tra gli Abruzzesi e i Toscani a causa di un malore. Nessuno ha dimenticato quel dramma e la città di Livorno si appresta a vivere intensamente il primo anniversario della tragedia.

morosini calciatore morto livorno
Piermario Morosini

Domenica mattina alle 9  in cattedrale il vescovo di Livorno Simone Giusti celebrerà una messa in suffragio a cui parteciperà la squadra amaranto al completo. Due ore più tardi sarà intitolata allo sfortunato giocatore la Gradinata dello stadio Armando Picchi di Livorno. Alla cerimonia sono invitati tutti i cittadini. A scoprire la targa che recherà il nome di Morosini sarà il sindaco Alessandro Cosimi.

La decisione di intitolare la Gradinata a Piermario fu presa dalla giunta comunale di Livorno, previo consenso della famiglia Morosini, due mesi fa. Questa la motivazione: “La Giunta decide di intitolare la gradinata dello stadio a Piermario Morosini, tenuto conto del grande affetto che ha circondato la memoria di questo giovane, ritenuto simbolo di valore, lealtà e generosità tra i giovani tifosi e la città di Livorno”.

Per la città toscana saranno giorni di grande emozione durante i quali si rinnoverà un dolore mai sopito. La squadra nel frattempo lotterà con tutte le sue forze per centrare la promozione in serie A, un traguardo da dedicare proprio a Morosini.