Maradona-Equitalia, la Commissione Tributaria sospende l’azione esecutiva

E’ stata sospesa, in via cautelare, dalla Commissione Tributaria di Napoli l’esecuzione intrapresa dagli uffici della Amministrazione finanziaria nei confronti di Diego Armando Maradona nella questione che vede coinvolto il Pibe de Oro contro Equitalia. Soddisfatti i suoi due avvocati Angelo Pisani e Angelo Scala: “Questo dimostra come il famigerato gesto dell’ombrello di Diego, tanto strumentalizzato, durante il programma di Fabio Fazio non fosse uno sberleffo nei confronti della Repubblica Italiana ma l’esasperata reazione di un uomo aggredito esecutivamente in maniera ingiusta; per altro verso, invece, che le ragioni addotte da tempo dai difensori di Diego, fino a ieri inascoltate dagli uffici del  fisco addirittura già pagato dal 2003, sono viceversa del tutto fondate”.

I legali e lo stesso Maradona hanno così voluto  formulare un estremo appello all’amministrazione finanziaria affinché: “Preso atto della infondatezza originaria e sopravvenuta della pretesa azionata, annullino in autotutela gli avvisi di accertamento. Lo Stato Italiano ne uscirebbe rafforzato, dimostrando come la prima rottamazione da cui partire è quella delle azioni esecutive del fisco prive di fondamento e da una vera eliminazione dei cavilli e blocchi della burocrazia”.

Leggi anche — > Il Tar accoglie il ricorso di Maradona contro Equitalia

Leggi anche — > Maradona e il Fisco, la storia nella lettera dell’Avv. Pisani

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Calciomercato Napoli, avviati i primi contatti con Sandro

Ibarbo-Napoli, l’attaccante: “Sarebbe un onore per me”