Livorno: Dopo la Pro Vercelli, Tre Tabù da Infrangere

tifosi livorno

Il successo ottenuto con la Pro Vercelli è di quelli pesanti. Essersi sbarazzati dei rinnovati piemontesi che nel girone di ritorno saranno un brutto cliente per tutti a cominciare dal Sassuolo sabato prossimo, è una nota di merito. La squadra di Davide Nicola contro i bianchi di Braghin ha confermato tutte le qualità emerse nella prima parte del campionato: la pazienza, innanzitutto. Gli amaranto infatti non si sono fatti prendere dalla frenesia quando non riuscivano a sbloccare il risultato. E poi la solidità. Mentale e anche fisica. Sì perché nella parte conclusiva della partita il Livorno aveva più benzina degli avversari. Tutto questo senza considerare la duttilità tattica di questo gruppo di giocatori che hanno dimostrato di poter sopportare il 3-4-3, modulo che Nicola ha schierato per la prima volta sabato scorso.

Adesso il Livorno è atteso da un ciclo di tre partite da disputare contro squadra particolarmente insidiose. Empoli, Modena e Cittadella. Avversari da affrontare con la massima attenzione e con gli amuleti in tasca visto che la cabala non è assolutamente favorevole agli amaranto. Basti pensare che il Livorno non vince a Empoli da 58 anni, non batte il Modena all’Ardenza dal 2000 e al ‘Tombolato’ di Cittadella, al massimo, ha ottenuto un pareggio. Insomma. Il campionato entra nel vivo e questo trittico misurerà la febbre a Paulinho e compagni.

Scritto da Fabrizio Pucci

Sono nato a Livorno nel lontano 1970. Ho iniziato a scrivere 14 anni dopo. Poi, dal 1989 anni di radio nella mia città e, dal '92, 20 di tv con collaborazioni con Tele+ e SportMediaset. Adesso a 'Il Tirreno' e qui on line per questa nuova avventura!

Aereo Fuori Pista: la Testimonianza di Savvas Gentsoglou

calciatore germinale

Avellino-Benevento 0-2: i Giallorossi Vincono il Derby