Lite tra Hamisk e Callejon: la SSC Napoli smentisce

Nessuna lite in campo tra Hamsik e Callejon. E’ quanto ufficialmente viene ribadito dal Napoli attraverso il proprio sito ufficiale. In una nota la società azzurra sottolinea come durante Torino-Napoli i due calciatori si sono “…continuamente scambiati indicazioni e opinioni. Anche decise e concitate. Ma trasformare qualsiasi cosa avvenga in campo tra i compagni di squadra in litigate, significa non conoscere la realtà di questo mondo”, si legge nel comunicato.

La smentita è venuta fuori dopo che il giornalista Gianluca Gifuni ci sarebbe stata una lite ieri in campo tra Callejon e Hamsik, che, secondo Gifuni, “deve far riflettere molto”. Quindi il Napoli ha anche sottolineato: “Noi accettiamo le critiche, come è giusto ed è bello nello sport, ma non accettiamo le falsità. Non le accettiamo noi e non le accettano i nostri tifosi”.

Lo stesso giornalista ha poi inviato una sua nota ufficiale per spiegare i fatti raccontati: “Non era mia intenzione parlare di lite tra Callejon e Hamsik e di non aver mai messo in dubbio l’armonia tra i calciatori del Napoli, della quale sono assolutamente certo seguendo la squadra con quotidianità. L’episodio in questione era solo una mia valutazione tecnica, probabilmente mal spiegata. Avrei dovuto smentire subito quanto riportato da alcuni siti”. Caso chiuso e pensiero rivolto al Porto.

Leggi anche — > Torino-Napoli 0-1, gli azzurri hanno trovato un po’ di cinismo

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Rassegna Stampa SSC Napoli 19 marzo 2014: le prime pagine dei quotidiani

dries mertes napoli

Napoli-Porto (Europa League), Mertens: “Si deve vincere e si vincerà”