Intervista Sarri: “Panchina d’Oro? Napoli-Juve va vinta sul campo”

Dopo la Panchina d'Oro la sfida ai bianconeri. Sarri: "Napoli-Juve bisogna vincerla sul campo"

Una sfida vinta, quella della Panchina d’Oro, e un’altra ancora da combattere. Di fronte lo stesso avversario. Nell’intervista rilasciata alla Gazzetta, Maurizio Sarri dice la sua su Napoli-Juve, il prossimo duplice impegno che gli azzurri si troveranno a dover affrontare: in palio il secondo posto con accesso diretto in Champions League e la Coppa Italia.

Con la vittoria della Panchina d’Oro, Maurizio Sarri ha battuto Massimiliano Allegri, secondo classificato, ma questo risultato non avrà alcuna ripercussione su Napoli-Juve:Se partiamo 1-0? No – commenta sorridendo il tecnico dei partenopei a La Gazzetta dello Sporti bianconeri bisogna batterli sul campo ed è molto difficile. La Juventus può contare su una società e una squadra fortissimi”.

Nell’arco di tre giorni Napoli e Juve si confronteranno per ben due volte sullo stesso campo, quello del San Paolo. In entrambi i casi gli azzurri potranno contare sul caloroso supporto dei propri tifosi, ma quella ai bianconeri resta una sfida complicata: “La più agevole? Dipenderà da quello che abbiamo in testa noi e loro. La Juve possiede una formazione fortissima e in Italia non ha rivali”. La unica vera rivale della Vecchia Signora, secondo mister Sarri, è la Vecchia Signora stessa: “Per il prossimo campionato possiamo sperare in un loro logoramento”.

panchina-doro-2017-sarri

Sarri vs Allegri: una sfida che si ripete

Intanto il toscano si gode la Panchina d’Oro vinta a discapito dello juventino Massimiliano Allegri che Sarri conosce dai tempi della C2: “Ci divertivamo, uno contro l’altro. La Panchina d’Oro va a chi vince e lo Scudetto lo ha vinto Allegri. Mi riempie d’orgoglio esser stato scelto dagli altri allenatori e mi sorprende esser stato messo sullo stesso piano di Ranieri che con il Leicester ha compiuto un’impresa”. Al di là del premio vinto Maurizio Sarri rimarrà lo stesso di sempre: “Non diventerò politicamente più corretto nelle dichiarazioni, sono un rompiscatole di natura”.