Inter – Catania Diretta Live, Risultato Finale 2-0

Massimo Moratti Presidente Inter

Vince l’Inter di Stramaccioni che supera il Catania con il risultato finale di 2-0. Vince ma non entusiasma.

Nerazzurri in vantaggio dopo 27′ con Antonio Cassano. A 5′ dalla fine il raddoppio firmato da Palacio, fino a quel momento piuttosto deludente.

Diretta live sul web ed aggiornamenti online con risultato in tempo reale dallo stadio “Friuli” sul sito CalcioMercato Napoli.

Queste le formazioni di Inter e Catania, schierate rispettivamente dai due allenatori Stramaccioni e Maran:

Gomez CataniaInter: 1 Handanovic; 4 Zanetti, 8 Palacio, 16 Mudingayi, 19 Cambiasso, 20 Obi, 22 Milito, 23 Ranocchia, 25 Samuel, 40 Juan Jesus, 99 Cassano.
A disposizione: 27 Belec, 32 Cincilla, 6 Silvestre, 7 Coutinho, 11 Alvarez, 14 Guarin, 21 Gargano, 31 Pereira, 33 Mbaye, 41 Ducan, 42 Jonathan, 88 Livaja.
Allenatore: Stramaccioni

Catania: 21 Andujar; 3 Spolli, 4 Almiron, 6 Legrottaglie, 9 Bergessio, 10 Lodi, 12 Marchese, 13 Izco, 17 Gomez, 22 Alvarez, 28 Barrientos.
A disposizione: 1 Frison, 2 Potenza, 5 Rolin, 15 Morimoto, 19 Castro, 24 Ricchiuti, 27 Biagianti, 30 Salifu, 33 Capuano, 34 Messina, 35 Doukara.
Allenatore: Maran

Arbitro: Carmine Russo (Nola)

CRONACA LIVE

AL 5′ Milito cerca di farsi spazio in area, ma la difesa del Catania libera in qualche modo, con Spolli in difficoltà.
Al 7‘ Catania vicino al gol con Almiron che sorprende centralmente la retroguardia nerazzurra. Rossoblù ancora pericolosi al 15 con un’incursione dalla sinistra di Marchese.
Al 18′ si fanno vedere i padroni di casa: splendido assist di Cassano, debole il colpo di testa di Palacio.
Al 27′ Inter in vantaggio: traversone di Cambiasso, Cassano sbuca sul secondo palo ed insacca di testa, sorprendendo la retroguardia etnea per il momentaneo 1-0.
La reazione del Catania è nella conclusione a giro di Marchese, fermata in qualche modo da Handanovic.
Al 44′ brividi a San Siro con una clamorosa occasione capitata ad Izco: colpisce di testa, tutto solo, nel cuore dell’area ma manda platealmente al lato. La più ghiotta opportunità di tutta la partita. I rossoblù non ci credono.
Si va così al riposo con il risultato sull’1-0 per i nerazzurri.
SECONDO TEMPO
Il secondo tempo si apre con un tentativo personale di Gomez che impegna Handanovic, ma l’azione era ferma per posizione di fuorigioco del Papu. Al 57′ Inter vicino al raddoppio: Milita manovra, Cassano crossa dalla destra, Palacio non trova di poco il tap in vincente dal cuore dell’area di rigore. Stramaccioni inserisce forze fresche a metà campo con Gargano al posto di Obi. AL 65′ Palacio ha la palla del raddoppio, ma sciupa clamorosamente con un colpo di testa da dimenticare.
Al 23′ della ripresa esce tra gli applausi Antonio Cassano, al suo posto Ricky Alvarez, sedicesimo argentino sceso in campo oggi a San Siro in questa sfida. Il Catania si getta in attacco a testa bassa ed al 68′ sfiora il gol su un tiro maldestro di Barrientos, sul quale Almiron per poco non ci arriva di testa. Difesa nerazzurra che a volte sembra imbambolata. Il nuovo entrato Alvarez avrebbe l’occasione – anzi più di una – per chiudere i giochi, ma mostra ancora una volta tutti i suoi limiti, soprattutto legati alla sua evidente lentezza d’esecuzione (la tecnica non si discute).
Alla mezz’ora proteste vibranti del Catania: Guarin atterra vistosamente Gomez, Russo lascia correre. A 5′ dalla fin e l’Inter chiude la pratica con l’ex genoano Palacio, perfettamente imbeccato dal connazionale Milito. Catania colpito proprio nel suo momento migliore, quando avrebbe meritato senza dubbio il pareggio.

Scritto da Gianluca Capiraso

Nato ad Avellino nel 1982, iscritto all'Albo Nazionale dei Giornalisti Pubblicisti nel 2000 (a soli 18 anni), da 5 anni vive a Milano dopo aver "girovagato" tra Roma e Firenze. Il suo primo articolo, pubblicato su un quotidiano locale, risale a inizio 1998, neanche 16enne. Segue da vicino le vicende sportive di diversi club italiani, dalla serie A alla Lega Pro. Segui @Capiraso

Palermo – Torino Risultato Finale 0-0

Massimo Moratti Presidente Inter

Milano e Verona, la Domenica Nera degli Arbitri Campani