Insigne sul Rinnovo di Contratto: “Via da Napoli? Non sarà colpa mia”

Lorenzo Insigne parla del rinnovo del contratto: "Il mio sogno è giocare con il Napoli, se dovesse infrangersi non sarà per colpa mia"

Lorenzo Insigne vuole lasciare un segno indelebile nel Napoli e per questo ha deciso di puntare sul rinnovo di contratto. Un discorso in sospeso da diversi mesi e che ultimamente, grazie anche alle brillanti prestazioni dell’attaccante napoletano, è tornato di moda negli uffici della dirigenza azzurra. Il giocatore si augura di non dover andare via da Napoli, ma le due parti non hanno ancora trovato l’accordo che ne scongiuri la cessione.

Un argomento spigoloso del quale lo stesso Insigne ha parlato nel pomeriggio di oggi ai microfoni di Rai Sport confermando quanto già sostenuto qualche giorno fa dal fratello Roberto. Lorenzo il Magnifico ha sempre voluto rimanere a Napoli, la maglia azzurra è sempre stata il suo sogno: “Aspetto loro per il rinnovo, adesso penso alla Nazionale. Se vorranno incontrarmi, io sarò sempre disponibile. Il mio sogno era giocare in Serie A con il Napoli e – prosegue Insigne – finché indosserò questa maglia mi farò ammazzare per questa maglia. Se qualcuno poi vorrà interrompere questo mio sogno, ci rimarrò male ma andrò avanti”.

Rinnovo Insigne, l’attaccante abbassa le pretese economiche

L’attaccante di Frattamaggiore è andato incontro al Napoli e, al fine di ottenere il rinnovo del contratto, ha abbassato le pretese iniziali e aspetta adesso la mossa di De Laurentiis: “Ho dato piena disponibilità al presidente e spero che la accolga. Rispetto al passato ho fatto alcuni passi indietro per quel che riguarda l’aspetto economico e sin dal settore giovanile ho rifiutato diverse società. Non ne ho sentito la necessità e ho deciso, insieme a mio padre, di restare a Napoli per realizzare il mio sogno. Se dovesse infrangersi non sarà per colpa mia”.

Esultanza Lorenzo Insigne

Insigne e il rapporto con i tifosi del Napoli

Se il futuro è ancora incerto, il presente è cristallino. Lorenzo Insigne è riuscito a ritagliarsi un importante spazio nella squadra azzurra e nel cuore dei tifosi del Napoli che troppo spesso in passato lo hanno criticato: “Negli anni precedenti pretendevano di più da me e io ho sempre continuato a lavorare perché sapevo che un giorno avrei dato tanto”. Il tanto aspettato momento è arrivato: “È merito di tutta la squadra: dei miei compagni e soprattutto del mister che mi ha dato questa possibilità. Sarri mi sta dando tanto e ci sta insegnando molto a livello di calcio. È un grande allenatore”.