Inno Napoli, Clementino: “E’ pronto ed è stato accettato dagli Ultras”

E’ pronto il nuovo inno del Napoli. A rivelarlo è il rapper napoletano Clementino che ha colto a balzo l’invito di De Laurentiis: “L’abbiamo anche già proposto al giro delle Curve ed è stato accettato, manca solo De Laurentiis, lui ancora non lo conosce, dobbiamo mandarglielo”. Un primo passo che va verso la giusta direzione anche perché secondo il giovane cantante ’O surdato ’nnamurato è “…una canzone che in chiave sportiva è travisata, è il canto dolente di un amore di guerra, è una melodia straziante con parole struggenti, trasformate in un inno tout court all’amore e, quindi, a una squadra che per molti è ragione di vita, amore, passione eterna”.

Ma di cosa parla allora il testo del possibile futuro inno azzurro? “Inizia Emiliano, poi arriviamo noi a turno, i Sangue Mostro si dividono la loro strofa in tre parti. Alterniamo italiano e dialetto, le nostre due lingue. Cito Diego Armando Maradona, ossia il supremo, e Massimo Troisi, da sempre il mio idolo personale; cito Nino D’Angelo e Pino Daniele”. Clementino è però molto modesto quando rivela: “E’ un azzardo perché aggiungo il mio nome al loro, ma è una di quelle spacconerie che nell’hip hop si usano, un po’ per gasarsi e un po’ come autoironia”.

Leggi anche — > Inno Napoli, De Laurentiis vuole una canzone rap

Leggi anche — > Rocco Hunt: “Non sono tifoso, non posso scrivere l’inno del Napoli”