Video – Il discorso completo di De Laurentiis ai funerali di Ciro Esposito

calciomercato napoli

Emozionato è dir poco. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis è voluto essere in piazza Grandi Eventi per dare l’ultimo saluto a Ciro Esposito e nel suo discorso ha tenuto a tratteggiare non solo la figura del giovane prematuramente scomparso, ma ha tenuto a sottolineare come il calcio e lo sport in generale non deve dividere,. Inoltre ha indicato mamma Antonella come esempio positivo da tenere a mente e seguire.

Questo il discorso completo di Aurelio De Laurentiis:

Cara Antonella, Caro Giovanni, Cari familiari è durissimo. Quando viene a mancare un figlio viene a mancare la parte migliore di noi. Però Antonella ha avuto la forza in questa Italia scorretta, dove i valori si sono persi totalmente, in questo paese corrotto, dove negli ultimi trent’anni aprendo i giornali abbiamo vissuto la mappa degli scandali, ebbene da un luogo difficile come Scampia nasce il lampo della speranza, da una donna che non vuole vendetta, vuole capire, vuole giustizia, ma parla di perdono. E’ una persona che nella tragedia non ha perso i valori morali. Il tre maggio mi era stato chiesto di portare la Coppa Italia. Ma che valore ha aver vinto quel trofeo. I trofei li vogliamo vincere a testa alta, con onore e rispetto. Questo paese forse troppo giovane è diviso in campanilismi,siamo tutti italiani, tutti figli della stessa terra. Quella sera Ciro era già morto perché era morto il calcio italiano e lui lo rappresentava difendendo i colori della sua squadra, e poi un pullman pieno di donne e bambini. Poi c’è stata la morte vera, un evento che difficilmente dimenticheremo. Spero che la sua morte possa restituire i veri valori della vita.

[videojs youtube=”https://www.youtube.com/watch?v=MLxdnJfT0pk” width=”640″ height=”420″]

Leggi anche — > Funerali Ciro Esposito, De Laurentiis: “La Coppa Italia non ha alcun valore”

Leggi anche — > Ciro Esposito, la mamma: “Non vi dimenticate mai di Ciro”

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Ciro Esposito, De Magistris: “Paghi chi non ha garantito l’ordine pubblico”

Ciro Esposito, Antonella Leardi: “Voi sarete il nostro orgoglio”