Ibrahimovic al Napoli, l’attaccante: “Vediamo cosa succederà”

Ibrahimovic non esclude una sua parentesi al Napoli. Sarà l'affare estivo degli azzurri?

Zlatan Ibrahimovic al Napoli, tra fantacalcio e realtà. L’attaccante svedese alimenta i sogni e le speranze dei tifosi azzurri e manda un messaggio alla società: è possibile trattare, non si esclude nulla, e dar vita a un affare che potrebbe rivelarsi il più grande colpo del calciomercato estivo 2017. Il Manchester United ha però una priorità perché c’è un contratto in essere che scadrà a giugno e che contiene un’opzione per la stagione successiva.

La bomba di mercato era stata lanciata qualche settimana fa dall’agente dello svedese, Mino Raiola, e nelle ultime ore ha trovato la conferma del diretto interessato. Zlatan Ibrahimovic, durante la trasmissione “Collezione Capello” che sarà possibile vedere venerdì dalle 23.00 su Fox Sport HD, non esclude la possibilità di un suo approdo al Napoli: “Non si sa mai, – risponde a domanda diretta – però sto bene qua”.

Ibrahimovic al Napoli: “Voglio divertirmi e fare a differenza”

Un breve spiraglio che potrebbe trasformarsi in qualcosa di più perché se da un lato il gigante di Malmö precisa: “Ho firmato per una stagione con una opzione sulla seconda”, dall’altro lato inizia a ritagliarsi un posticino nei pensieri del Napoli e dei suoi tifosi: “Se i napoletani dovranno aspettare un po’? Vediamo, vediamo cosa succede”. Il suo futuro è ancora tutto da decidere: sebbene in questa stagione sia riuscito a rendersi protagonista nel Manchester United con 40 presenze e 26 gol tra campionato e coppe, gli anni continuano a passare: “Non ho troppi campionati davanti a me – ammette Ibrahimovic – voglio divertirmi e fare la differenza. Non so cosa succederà perché sono concreto”.

Zlatan Ibrahimovic

E nel Napoli, qualora l’affare dovesse concretizzarsi, di certo lo svedese avrebbe un posto da protagonista non solo in squadra, ma anche e soprattutto nel cuore dei napoletani: Ibrahimovic potrebbe, con le sue qualità, regalare il sogno vissuto già trentanni fa e fare quella differenza che lo farebbe entrare nella storia del club e tra gli idoli dei tifosi. Lo svedese ci pensa, Napoli sogna e De Laurentiis sorride