Giugliano-Virtus Volla, folle aggressione: il video degli scontri

E’ la fine del primo tempo di Giugliano-Virtus Volla quando in campo si scatena il putiferio. Prima un’invasione di campo e poi scontri che neanche le forze dell’ordine riescono a contenere. Il caso fa discutere e sarà così ancora per molto, molto tempo.

Già alla fine della prima frazione di gioco i tifosi del Giugliano invadono il terreno di gioco prendendosela con i giocatori del Virtus Volla. In questi momenti concitati hanno la peggio il magazziniere Barrella e Aliyev, attaccante del Volla che riporta un taglio alla testa. Polemiche, inoltre, sul mancato intervento delle forze dell’ordine.

Secondo quanto riferito dal Presidente del Volla, infatti, i militari in servizio d’ordine pare fossero davvero pochi: A Mugnano c’erano solo tre carabinieri che hanno avuto paura di agire contro cinquanta supporter gialloblù. Le forze dell’ordine dove erano oggi? Il presidente Pastore fa disputare queste gare con tre carabinieri: non riesco a capirlo.” Resta una macchia indelebile per lo sport campano e il campo di Mugnano sul quale si stava disputando il match.

Durissimo il comunicato del Presidente del Giugliano, Sestile, che esprime tutta la sua solidarietà al Virtus Volla, ai suoi dirigenti, ai collaboratori, ai giocatori ed all’intera città per quanto accaduto e per la triste pagina di sport scritta a Giugliano. Tra le altre cose, il patron si riserva ulteriori comunicati e non è da escludere l’abbandono del club. Per sua stessa ammissione: “Come uomo di sport mi sento offeso e umiliato nei valori sportivi. In questo calcio non mi identifico.” Ancora più dure le parole del presidente del Volla: “Sestile ritiri la squadra.”