Gabbiadini dimentica Sarri: tecnico non citato nei saluti su Facebook

Manolo Gabbiadini saluta e ringrazia tutti i componenti del Napoli, dal presidente De Laurentiis ai tifosi, ma dimentica Maurizio Sarri

Manolo Gabbiadini dimentica Maurizio Sarri. Dopo la firma del contratto con il Southampton, l’attaccante ha voluto salutare e ringraziare, attraverso un post su Facebook, il Napoli e i suoi tifosi, ma nel citare Rafa Benitez, Riccardo Bigon e Cristiano Giuntoli non ha menzionato Maurizio Sarri. Dimenticanza o scelta voluta?

Ha iniziato i ringraziamenti su Facebook partendo dal Napoli e dal presidente Aurelio De Laurentiis per concluderli con i tifosi che lo hanno sempre sostenuto. Ha evitato il grazie generale al mister, preferendo citare Rafa Benitez, l’allenatore che gli ha dato il benvenuto in azzurro, ma non ha fatto alcun riferimento a Maurizio Sarri: “Grazie Napoli. Grazie al Presidente, alla Società, a Benitez, Bigon, Giuntoli, a tutti i componenti dello staff e i compagni di squadra di questi venticinque mesi vissuti insieme in Italia e in Europa. Grazie ai tifosi napoletani“. Il tecnico toscano ha avuto la pecca di preferite al bergamasco Gonzalo Higuain lo scorso anno e Dries Mertens nella stagione attuale. Con lui Gabbiadini ha raccolto 30 e 19 presenze rispettivamente nelle stagioni 2015-2016; poche confrontandole con le 30 collezionate da gennaio a giugno 2015 sotto la guida di Rafa Benitez.

Dente avvelenato? Continuando a leggere il messaggio pubblicato su Facebook sembrerebbe proprio di sì perché se per Sarri non c’è spazio, a coloro che gli hanno riservato qualche critica di troppo Manolo Gabbiadini dedica qualche riga a chiusura del post: “Un pensiero finale voglio dedicarlo anche a coloro che mi hanno spesso e volentieri criticato, (…) non amo rispondere a parole ma preferisco far parlare i numeri”. Gabbiadini conclude così la sua avventura al Napoli, pronto a iniziarne una nuova al Southampton e c’è da scusarlo se per via delle emozioni di un momento ha dimenticato qualcuno, uno a caso… Maurizio Sarri.