Walter Mazzarri rischia l’esonero in caso di sconfitta con il Napoli. Più che i risultati negativi a preoccupare i tifosi della beneamata è la crisi di idee e di gioco che attanaglia la squadra a dire il vero già dalla passata stagione.

Si perchè almeno quest’anno i supporters nerazzurri si aspettavano di vedere una squadra più brillante, e di ambire ad un traguardo importante. Invece nonostante la buona campagna acquisti del presidente Thoir, l’Inter non è migliorata sotto il profilo del gioco e delle prestazioni. Un punto nelle ultime tre partite ottenuto soffrendo sul campo del Palermo, hanno fatto salire sul banco degli imputati l’allenatore Walter Mazzarri, ritenuto il colpevole numero uno del momento no della squadra.

La prossima gara contro il Napoli, ironia della sorte la sua ex squadra, potrebbe essere l’ultima sua panchina con l’Inter se non dovesse centrare la vittoria. Thoir ha dichiarato più volte che il tecnico non è in discussione, ma è chiaro che se dovesse perdere la sfida contro una diretta concorrente per l’Europa potrebbe profilarsi il primo esonero in carriera dell’allenatore toscano.

Addirittura circolano già dei nomi come possibili sostituti di Mazzarri, segno che qualcosa si è rotto tra allenatore e società. Varie le ipotesi che si profilano per i possibili sostituti: puntare su Walter Zenga idolo da sempre dei tifosi interisti, oppure aspettare che la prossima stagione si liberi dalla Sampdoria Sinisa Mihajlovic pupillo da sempre dell’ex presidente Moratti. Il sogno proibito però resta un altro ex calciatore nerazzurro, Diego Simeone artefice del miracolo chiamato Atletico Madrid.

Leggi anche: