De Magistris: “L’ordine pubblico a Roma non è stato gestito al meglio”

Fuori allo stadio Olimpico era un Far West per cui l’ordine pubblico non ha funzionato”. Sono le dure parole del sindaco di Napoli Luigi De Magistris che è intervenuto sui fatti violenti capitati sabato scorso prima della gara tra Fiorentina-Napoli con un comunicato ufficiale. L’ex magistrato ha voluto denunciare che “…a Roma mi sono trovato tra i tifosi della Fiorentina ed ho visto cose che era meglio non vedere. Ci sono stati contesti discutibili – ha aggiunto – e comprendo che la partita bisognava giocarla, ma la cosa assurda è che nessuno riusciva a capire cosa era accaduto”.

L’attacco di De Magistris non finisce qui perché “…il limite è stato oltrepassato e se addirittura spuntano armi da fuoco è chiaro che i bambini non andranno più allo stadio. Bisogna prendere decisioni forti, liberare gli stadi da chi vuole far altro e rivedere le regole e l’ordine pubblico”. Su Genny ’o Carogna è stato chiaro: “Quel personaggio con quella maglia e quella storia non rappresenta la città di Napoli e non tiene in scacco la città”.

Infine il pensiero del sindaco è andato a Ciro Esposito che versa ancora in gravi condizioni in ospedale: “Un napoletano è stato ferito da un colpo di pistola. Alcuni continuano a dire che è andato tutto bene per l’ordine pubblico ma non sarei affatto così entusiasta. Noi volevamo gioire e portare la coppa a Napoli. I tifosi del Napoli sono persone perbene per la stragrande maggioranza ed erano a Roma a subire in silenzio cori non proprio positivi. Nonostante tutto questo, è cominciato il processo a Napoli”.

Leggi anche — > Il Napoli smentisce la Questura: “Hanno chiesto loro di mandare Hamsik dai tifosi”

Leggi anche — > Ultras Napoli a Il Mattino: “Non abbiamo mai trattato con la Digos”

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Hamsik sul Presepe napoletano: alza la Coppa Italia

Esclusiva – Club Napoli Milano Partenopea: “Ecco cosa è successo a Roma”