Crotone contro l’Arbitro: il Comunicato dopo la partita col Napoli

L'amministratore delegato del Crotone, Gianni Vrenna, contro l'arbitro Mariani: il comunicato dopo la sfida contro il Napoli

Il Crotone contro l’arbitro Mariani: continua la protesta del club calabrese dopo la partita con il Napoli. Proprio nel pomeriggio di oggi i rossoblù hanno pubblicato un comunicato con alcune dichiarazioni dell’amministratore delegato Gianni Vrenna nel quale vengono attenzionati alcuni episodi del match del San Paolo e le relative decisioni dell’arbitro.

A finire sotto la lente d’ingrandimento gli episodi di Napoli-Crotone, in particolare quello relativo al primo calcio di rigore assegnato al Napoli e la mancata espulsione di Rog. Un arbitraggio che, a parer del Crotone e del suo amministratore delegato, ha influenzato l’esito finale della partita. I calabresi riconoscono la superiorità della squadra azzurra, ma allo stesso tempo sostengono: “Decisioni ingiuste, ma determinanti rispetto al risultato finale. Non è la prima volta, (…) gli episodi dubbi, sfavorevoli, incomprensibili, – a conti fatti – cominciano a essere troppi e troppo frequenti. E stanno incidendo negativamente sul nostro percorso”.

Napoli-Crotone: inesistente il rigore di Insigne

Al 32′ del primo tempo l’arbitro Mariani assegna un rigore al Napoli per fallo di Sampirisi su Lorenzo Insigne, penalty che è lo stesso scugnizzo a trasformare nel gol del vantaggio partenopeo e che è stato concesso troppo generosamente dal direttore di gara. Il Crotone e il suo AD Gianni Vrenna ritengono infatti che il giocatore partenopeo sia caduto da solo e di fatti nel comunicato si legge: “In occasione della partita contro il Napoli, squadra di vertice che non necessita di supporti esterni, il risultato si sblocca solo grazie a un rigore decisamente molto dubbio. Sotto di un gol, fuori casa, contro un top team, evidentemente si è scelto di perseverare con questa linea”.

arbitro-mariani

La mancata espulsione di Rog durante Napoli-Crotone

Discutibile anche la decisione presa dall’arbitro al 53′ di Napoli-Crotone: Rog commette un fallo su Crisetig sanzionabile con il giallo e che sarebbe quindi costato l’espulsione al giocatore partenopeo perché già ammonito. Il direttore di gara però gli risparmia la sanzione, facendo andare su tutte le furie il Crotone: “Al minuto 8′ della ripresa, Rog, già ammonito, interviene pesantemente su Crisetig meritandosi l’espulsione. Che però non arriva. Arriva invece un minuto dopo il giallo per Crisetig, per un fallo di minore entità: una scelta che – a mio avviso – conferma l’assenza di equilibrio nel novero delle decisioni del direttore di gara. Sulla richiesta di spiegazioni il nostro tecnico veniva allontanato”.

Dopo aver preso nota di quanto accaduto durante la partita contro il Napoli e a conclusione del comunicato ufficiale, la richiesta dell’amministratore delegato del Crotone, Gianni Vrenna: “Chiediamo per questo maggiore equilibrio, pretendiamo maggiore attenzione, esigiamo rispetto. La mia pazienza è stata già messa pesantemente alla prova: adesso dico basta”