Cori razzisti contro il Napoli, Juventus multata dal Giudice Sportivo

Solo una multa per la Juventus per i cori razzisti contro il Napoli e i napoletani andati in scena nell’ultima gara di campionato allo Stadium.

La decisione del Giudice Sportivo è stata resa nota oggi e chi credeva che si potesse arrivare fino alla squalifica del campo di calcio è rimasto male perché si è deciso solo di applicare una multa pari a 10mila euro così motivata: “Per avere, suoi sostenitori, intonato più volte nel corso della gara, cori espressione di denigrazione territoriale, nonché per avere lanciato, al 38° del primo tempo, un accendino sul terreno di giuoco; sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione all’art. 13, comma 1 lett. a) e b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza”.

Insomma i chiari cori denigratori che hanno per tema l’esplosione del Vesuvio che possa ricoprire di lava tutti i napoletani sono stati declassati dal Giudice Sportivo Gerardo Mastrandrea e puniti con una semplice multa. Tra l’altro lo stesso giudice parla di aiuto alle forze dell’ordine da parte della società, ma i cori sono continuati all’interno dello Stadium senza che praticamente la società di casa abbia fatto nulla per farli smettere.

Insomma la classica decisione che non punisce e che anzi giustifica una condotta che non può essere tollerabile e a cui andrebbe adeguatamente posto fine soprattutto quando popolazioni dell’Italia stanno convivendo e patendo lutti per colpa del terremoto.

Leggi anche: