Cori Razzisti contro Koulibaly, Striscione dei tifosi del Napoli (Foto)

I tifosi del Napoli reagiscono ai cori razzisti contro Koulibaly e solidarizzano con uno striscione dinanzi al centro tecnico di Castelvolturno. “O Vesuvio lavali con il fuoco”. Questo è uno dei tanti cori offensivi che da anni i giocatori azzurri, ma soprattutto i sostenitori partenopei, subiscono negli stadi di mezza Serie A e per le strade di diverse città italiane. Talvolta persino in televisione vengono uditi, come sottofondo dei telecronisti impegnati a commentare le gare.

Ieri sera è successo nuovamente, nel corso di Lazio-Napoli. Ma pure prima dell’inizio del match. Versi beceri, ululati e continui insulti razzisti all’indirizzo della tifoseria napoletana e di Kalidou Koulibaly. Uno spettacolo ignobile e nauseante, tanto da spingere l’arbitro Irrati a sospendere la partita per alcuni minuti. Un gesto inedito, accettato con applausi dai supporters partenopei presenti all’Olimpico e non solo.

Anche a Napoli è stato accolto con piacere, con molti messaggi indirizzati all’arbitro toscano e ai giocatori, reduci dalla settima vittoria consecutiva in A. Roba che non si vedeva dai tempi di Maradona. Specialmente a Koulibaly, autore sì di una grande prestazione, ma anche bersagliato per tutta la gara dai tifosi laziali per via del suo colore della pelle. “Onore al tuo colore K2 Koulibaly vero lottatore”. Questo lo striscione a lui dedicato, appeso all’esterno del centro sportivo di Castel Volturno.

È incredibile che ancora oggi un calciatore, ma soprattutto un uomo, venga giudicato per tali motivi. Le persone andrebbero reputate per le conoscenze, le idee e le qualità. Non per il colore della pelle, la provenienza e le origini. Sarebbe arrivato pure il momento di impararlo.

CORI RAZZISTI CONTRO KOULIBALY: TUTTE LE NOTIZIE