Cori contro il Napoli: Juventus Multata

Intonare cori contro Napoli e i napoletani è ormai diventata l’ultima moda del calcio italiano e, spesso, la punizione non va oltre la multa o un semplice richiamo. In Serie A in più di uno stadio i partenopei sono molto spesso presi di mira da sfottò e insulti. Nell’ultima giornata di campionato, durante il match Juventus-Udinese, alcuni tifosi bianconeri al 25esimo del primo tempo hanno intonato gli ormai noti “Lavali col fuoco” o, ancora, il“Noi non siamo napoletani” dopo che la stessa cosa era accaduta nel pomeriggio ad Empoli ad opera dei tifosi giallorossi, stoppati però dalla tifoseria empolese che ha risposto con i fischi.

Per questi chiari cori di discriminazione territoriale il Giudice Sportivo ha multato la società Juventus con un’ammenda di “solo” 25mila euro ma è stato deciso di non multare la Roma per gli stessi cori intonati dai tifosi giallorossi. Intanto nonostante le ammende, le battaglie contro la discriminazione territoriale e le tante chiacchiere, il calcio italiano non riesce ancora a liberarsi di questo “male” che sta diventando sempre più diffuso negli stadi italiani. È arrivato il momento di mettere fine a tutto ciò con regole serie e punizioni esemplari.

Leggi anche